More stories

  • in

    CAMORRA Omicidio della Faida di Secondigliano: assolto il ras Antonio Bastone

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    21 ore fa
    in
    21 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    La Corte di Assise di Napoli – III Sezione – all’esito di una lunga camera di consiglio ha assolto, questo pomeriggio, Antonio Bastone dall’accusa di essere il mandante dell’omicidio di Tripicchio Rosario, commesso a Giugliano il 5 gennaio del 2012.

    L’omicidio, secondo l’accusa, rientrava nella faida di Secondigliano per la conquista delle piazze di spaccio del Lotto G.Antonio Bastone, considerato esponente di spicco del cartello Abbinante oltre Ad essere stato assolto dall’accusa di essere il mandante dell’omicidio di Tripicchio è stato assolto anche dal tentato omicidio di Ciro Barretta (luogotenente del Lotto G appartenente al gruppo della Vanella Grassi) vicenda rispetto alla quale è stata condannata Anna Ursillo  alla pena di anni 10 di reclusione.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Camorra: 8 arresti per gli omicidi della seconda faida di Scampia
    Soddisfazione per i legali del Bastone (avvocati Saverio Senese e Fabio Segreti) che, dopo un lungo processo, si sono visto accogliere la tesi difensiva relativa relativa alla inattendibilità dei numerosi collaboratori di giustizia che accusavano il Bastone.

    Articolo Successivo
    POLITICA Elezioni Campania: alla coalizione De Luca 32 seggi su 50

    Da non perdere
    Regionali Campania, Ciarambino (M5S): ‘Pronta a dare battaglia in aula’

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Camorra, figlio del boss ucciso: 40 anni dopo condannati i Mallardo e i Giuliano: 4 condanne 16 anni ai boss dei Mallardo e 9 anni a quelli dei Giuliano.

    Il gip di Napoli Claudio Marcopido ha emesso quattro condanne nei confronti di altrettanti esponenti di spicco e storici della camorra nell’ambito del processo sull’omicidio di Luigi Maisto, figlio del boss Alfredo ucciso a Napoli il 22 ottobre nel 1979. A 41 anni dal quel delitto maturato nell’ambito della faida tra il clan Mallardo e i Maisto, alleati con il gruppo Sciorio, sono stati condannati Francesco e Giuseppe Mallardo (16 anni di reclusione), e i boss “pentiti” di Forcella Luigi e Guglielmo Giuliano (9 anni e 4 mesi di reclusione) grazie ai quali e’ stata fatta luce sulla vicenda.
    A indagare sull’omicidio avvenuto in piazza Matteotti e’ stato il sostituto procuratore di Napoli Henry John Woodcock proprio sulla base delle rivelazioni dei Giuliano. L’agguato scatto’ in piazza Matteotti pochi minuti dopo la mezzanotte. Luigi cadde sotto il fuoco delle pistole davanti a un circolo. Nel raid rimasero feriti anche Enrico Maisto, Luigi Panico e Francesco Ciccarelli. Il reato di tentato omicidio e’ caduto in prescrizione.

    Continua a leggere

    Caserta e Provincia

    Pubblicato
    5 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Si e’ concluso in Corte di Cassazione, con la conferma di quasi tutte le condanne emesse in Appello e due annullamenti con rinvio, il processo relativo alle infiltrazioni del clan Zagaria nell’ospedale di Caserta.
    Per Elvira Zagaria, sorella del boss Michele Zagaria, i magistrati della Suprema Corte hanno confermato la condanna a sette anni di carcere per associazione camorristica, annullando pero’ la confisca dei beni; pene confermate per l’altro elemento del clan Raffaele Donciglio (sette anni), per l’ex dirigente dell’ospedale di Caserta Bartolomeo Festa (otto anni), per l’ex sindaco di Caserta Giuseppe Gasparin (tre anni e sei mesi), e per altri sette imputati. I magistrati della Cassazione hanno poi disposto l’annullamento con rinvio, in relazione all’imputazione di associazione camorristica, per gli imputati Domenico Ferraiuolo (difeso da Angelo Raucci), che in secondo grado aveva preso otto anni, e Luigi Iannone (difeso da Giuseppe Stellato), condannato a 7 anni e due mesi in appello.
    L’indagine da cui e’ nato il processo, fu condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e affidata agli investigatori della Dia, e porto’ a 24 arresti nel gennaio del 2015 tra dirigenti e dipendenti pubblici e imprenditori, e allo scioglimento, tre mesi dopo, dell’azienda ospedaliera di Caserta per infiltrazioni camorristiche, primo caso in Italia. La gestione dell’ospedale fu affidata per due anni ad una triade di commissari di nomina governativa guidati da un prefetto. Le indagini e poi i processi nei vari gradi, hanno svelato la costante e profonda infiltrazione del clan guidato da Michele Zagaria nel tessuto politico-amministrativo dell’ospedale di Caserta, prima attraverso la “rete” di contatti creata e gestita dal cognato Franco Zagaria, poi deceduto, quindi attraverso la sorella Elvira; e’ cosi’ emersa l’esistenza nell’ospedale di “un complesso apparato in grado di gestire gli affidamenti dei lavori pubblici in assoluta autonomia, potendo contare sul potere derivante dalla preminente matrice mafiosa”. L’organizzazione creata da Zagaria si insedio’ nel cuore nevralgico dell’ospedale, ovvero nell’ufficio del dirigente dell’unita’ operativa complessa di Ingegneria ospedaliera, Bartolomeo Festa, in carica dal 2006 per volere, secondo i giudici, dello stesso Zagaria. Da quel momento il cognato del boss assunse, fino al decesso, il controllo delle assegnazione dei lavori pubblici nell’ospedale, dando vita ad un cartello di imprese mafiose; dal canto suo Festa truccava con i suoi collaboratori i bandi per favorire le imprese del clan.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Attualità4 giorni fa
    In arrivo entro il 30 settembre Bonus di 500 euro per PC/Tablet e connessione internet: quali sono i requisiti per richiederlo

    Cronaca Napoli4 giorni fa
    Truffa agli anziani in ‘trasferta’ ecco come agivano i sei napoletani arrestati. I NOMI

    Cronaca5 giorni fa
    Violenze sessuali su due pazienti al Pascale di Napoli: medico sospeso dal giudice per un anno

    Campania8 ore fa
    Coronavirus, il direttore del Cotugno di Napoli: ‘Non c’è più controllo, ora restrizioni’ LEGGI TUTTO

  • in

    Nascosto nella cella frigo: arrestato nel Casertano ras del clan Di Lauro

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 giorni fa
    in
    20 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Nascosto in una cella frigo, arrestato il ras dei Di Lauro, Giovanni Cortese.

    E’ Giovanni Cortese ‘o cavallar, il ras di Secondigliano arrestato questo pomeriggio a San Marcellino, in provincia di Caserta. L’arresto è stato effettuato dai carabinieri. L’uomo, ras di lungo corso del clan Di Lauro, sarebbe finito in manette per aver violato un obbligo di dimora. Si trovava infatti presso il locale Tenuta del Barone: all’arrivo dei carabinieri si è nascosto all’interno di una cella frigo della cucina del ristorante venendo poi scoperto.
    Tre fratelli ma tre destini completamente diversi. E’ la storia dei fratelli Cortese, per più di vent’anni a capo di un gruppo criminale nel rione Berlingieri. Il più conosciuto è Giovanni ‘o cavallar, persona di fiducia di Paolo Di Lauro (nonchè ambasciatore del clan, era lui che durante la faida recapitava i messaggi del boss) nonchè specialista nei ‘cavalli di ritorno’; Ciro, passato con la Vanella Grassi e ucciso per contrasti interni; Luca, che invece ha deciso di cambiare vita, rompendo con il passato, pensando alla famiglia e al lavoro. Luca Cortese tra l’altro non è mai stato un collaboratore di giustizia.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: https://www.campaniacrimenews.com/2017/06/camorra-cortese-minaccio-il-pusher-debitore-uccido-te-tua-madre-e-i-tuoi-fratelli-le-intercettazioni/
    https://www.campaniacrimenews.com/2017/06/camorra-il-pentito-mio-fratello-ciro-ucciso-dalla-vinella-grassi/

    Di Giovanni Cortese hanno parlato negli anni diversi collaboratori di giustizia, ma il profilo più completo sembra quello tracciato dal pentito Vincenzo Lombardi.
    “Giovanni Cortese ’o cavallaro aveva il ruolo di controllo del rione Berlingieri, in particolare il controllo dei cosiddetti “cavalli diritorno”, acquistando direttamente dai ladri o rapinatori le autovetture per poi contattare i proprietari e fare i cavalli di ritorno. Nel corso della faida si è avvicinato a Pica,anche per fargli conoscere affiliati esterni al rione quali Maurizio Maione, i fratelli Pacchina e altri ancora.Giovanni Cortese –  si è occupato delle estorsioni a Melito. A tutte le persone affiancate da Giovanni Cortese a Giuseppe Pica, nel senso che le indicava per valutarle da un punto di vista criminale, venivano affidate mansioni diverse: chi doveva portare soldi, chi doveva occuparsi del mantenimento dei ragazzi nel rione2.

    Articolo Successivo
    Viola la quarantena per andare a votare, seggio chiuso per 2 ore

    Da non perdere
    Inseguì il suo vicino fino in chiesa e lo accoltellò: arrestato 52 enne

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Camorra, figlio del boss ucciso: 40 anni dopo condannati i Mallardo e i Giuliano: 4 condanne 16 anni ai boss dei Mallardo e 9 anni a quelli dei Giuliano.

    Il gip di Napoli Claudio Marcopido ha emesso quattro condanne nei confronti di altrettanti esponenti di spicco e storici della camorra nell’ambito del processo sull’omicidio di Luigi Maisto, figlio del boss Alfredo ucciso a Napoli il 22 ottobre nel 1979. A 41 anni dal quel delitto maturato nell’ambito della faida tra il clan Mallardo e i Maisto, alleati con il gruppo Sciorio, sono stati condannati Francesco e Giuseppe Mallardo (16 anni di reclusione), e i boss “pentiti” di Forcella Luigi e Guglielmo Giuliano (9 anni e 4 mesi di reclusione) grazie ai quali e’ stata fatta luce sulla vicenda.
    A indagare sull’omicidio avvenuto in piazza Matteotti e’ stato il sostituto procuratore di Napoli Henry John Woodcock proprio sulla base delle rivelazioni dei Giuliano. L’agguato scatto’ in piazza Matteotti pochi minuti dopo la mezzanotte. Luigi cadde sotto il fuoco delle pistole davanti a un circolo. Nel raid rimasero feriti anche Enrico Maisto, Luigi Panico e Francesco Ciccarelli. Il reato di tentato omicidio e’ caduto in prescrizione.

    Continua a leggere

    Caserta e Provincia

    Pubblicato
    5 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Si e’ concluso in Corte di Cassazione, con la conferma di quasi tutte le condanne emesse in Appello e due annullamenti con rinvio, il processo relativo alle infiltrazioni del clan Zagaria nell’ospedale di Caserta.
    Per Elvira Zagaria, sorella del boss Michele Zagaria, i magistrati della Suprema Corte hanno confermato la condanna a sette anni di carcere per associazione camorristica, annullando pero’ la confisca dei beni; pene confermate per l’altro elemento del clan Raffaele Donciglio (sette anni), per l’ex dirigente dell’ospedale di Caserta Bartolomeo Festa (otto anni), per l’ex sindaco di Caserta Giuseppe Gasparin (tre anni e sei mesi), e per altri sette imputati. I magistrati della Cassazione hanno poi disposto l’annullamento con rinvio, in relazione all’imputazione di associazione camorristica, per gli imputati Domenico Ferraiuolo (difeso da Angelo Raucci), che in secondo grado aveva preso otto anni, e Luigi Iannone (difeso da Giuseppe Stellato), condannato a 7 anni e due mesi in appello.
    L’indagine da cui e’ nato il processo, fu condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e affidata agli investigatori della Dia, e porto’ a 24 arresti nel gennaio del 2015 tra dirigenti e dipendenti pubblici e imprenditori, e allo scioglimento, tre mesi dopo, dell’azienda ospedaliera di Caserta per infiltrazioni camorristiche, primo caso in Italia. La gestione dell’ospedale fu affidata per due anni ad una triade di commissari di nomina governativa guidati da un prefetto. Le indagini e poi i processi nei vari gradi, hanno svelato la costante e profonda infiltrazione del clan guidato da Michele Zagaria nel tessuto politico-amministrativo dell’ospedale di Caserta, prima attraverso la “rete” di contatti creata e gestita dal cognato Franco Zagaria, poi deceduto, quindi attraverso la sorella Elvira; e’ cosi’ emersa l’esistenza nell’ospedale di “un complesso apparato in grado di gestire gli affidamenti dei lavori pubblici in assoluta autonomia, potendo contare sul potere derivante dalla preminente matrice mafiosa”. L’organizzazione creata da Zagaria si insedio’ nel cuore nevralgico dell’ospedale, ovvero nell’ufficio del dirigente dell’unita’ operativa complessa di Ingegneria ospedaliera, Bartolomeo Festa, in carica dal 2006 per volere, secondo i giudici, dello stesso Zagaria. Da quel momento il cognato del boss assunse, fino al decesso, il controllo delle assegnazione dei lavori pubblici nell’ospedale, dando vita ad un cartello di imprese mafiose; dal canto suo Festa truccava con i suoi collaboratori i bandi per favorire le imprese del clan.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Attualità4 giorni fa
    In arrivo entro il 30 settembre Bonus di 500 euro per PC/Tablet e connessione internet: quali sono i requisiti per richiederlo

    Cronaca Napoli4 giorni fa
    Truffa agli anziani in ‘trasferta’ ecco come agivano i sei napoletani arrestati. I NOMI

    Cronaca5 giorni fa
    Violenze sessuali su due pazienti al Pascale di Napoli: medico sospeso dal giudice per un anno

    Campania8 ore fa
    Coronavirus, il direttore del Cotugno di Napoli: ‘Non c’è più controllo, ora restrizioni’ LEGGI TUTTO

  • in

    Mandano in coma parcheggiatore abusivo, in carcere due fratelli

    Cronaca Napoli

    Pubblicato
    3 giorni fa
    in
    19 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Mandano in coma parcheggiatore abusivo, in carcere due fratelli.

     
    La polizia a Napoli ha eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli-Nord, Vera Iaselli, per tentato omicidio aggravato in concorso nei confronti dei fratelli Pietro ed Emanuele Carrano, rispettivamente di 33 e 24 anni. Il provvedimento cautelare e’ frutto delle indagini su una brutale aggressione scaturita da una lite lo scorso 3 luglio ad Arzano, nello spazio antistante ai campi di calcio Stornaiuolo.
    I due fratelli se la sono presa con un parcheggiatore abusivo, 51enne, colpito con violenza con calci e pugno alla testa e al corpo. La vittima fu ricoverata in gravi condizioni e in stato di coma prima al San Giovanni Bosco di Napoli, poi al Secondo Policlinico dove e’ tutt’oggi nel reparto Rianimazione e in prognosi riservata, con gravi danni alla testa e al sistema respiratorio.

    Articolo Successivo
    Coronavirus, morto cittadino di Gragnano. Altri 4 positivi in isolamento

    Da non perdere
    The Spark Creative Hub riaccende le luci: martedì 30 settembre in piazza Bovio a Napoli

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Napoli

    Pubblicato
    3 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Stanotte due agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, liberi dal servizio, transitando in via Colonnello Lahalle hanno notato due uomini che stavano armeggiando vicino al portone di uno stabile e, poco dopo, si sono allontanate in direzione di via Generale Pignatelli salendo su un’auto che li attendeva con una terza persona a bordo.
    I poliziotti hanno chiesto supporto al Centro Operativo che ha inviato una volante del Commissariato Vicaria-Mercato la quale ha fermato l’auto bloccando il conducente ed uno dei due passeggeri mentre l’altro è fuggito a piedi fino alla traversa Privata Polveriera dove, dopo una violenta colluttazione con gli operatori, è stato finalmente bloccato.Felice Marinelli, 37enne con precedenti di polizia, è stato arrestato per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

    Continua a leggere

    Cronaca Napoli

    Pubblicato
    4 ore fa
    in
    22 Settembre 2020

    Napoli: de Magistris chiude le scuole fino al 28 settembre.
    Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha firmato l’ordinanza che prevede per le giornate del 24, 25 e 26 settembre 2020, la chiusura di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado insistenti sul territorio del Comune di Napoli, che sono stati sede di seggi elettorali per le consultazioni referendarie e le elezioni regionali del 20 e 21 settembre 2020, al fine di garantire la disinfezione dei locali scolastici e il ripristino degli spazi didattici per consentire l’avvio in sicurezza dell’anno scolastico anche alla luce delle prescrizioni per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19. L’annuncio in una nota del Comune.
    La necessita’ di garantire la disinfezione dei locali scolastici utilizzati come sedi di seggio elettorale e il conseguente ripristino degli spazi didattici sono le motivazioni che hanno indotto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a emanare un’ordinanza con cui si fa slittare l’apertura delle scuole di ogni ordine e grado, oggetto di seggio, a lunedi’ 28 settembre al fine di consentire l’avvio in sicurezza dell’anno scolastico alla luce delle prescrizioni per il contenimento del rischio di contagio da Covid-19. L’Amministrazione comunale – si spiega nell’ordinanza – e’ giunta a questa decisione in virtu’ del fatto che ”le operazioni di scrutinio delle schede elettorali si sono concluse solo nella prima mattinata di oggi e che sono ancora in corso le successive operazioni di disallestimento e smobilitazione dei seggi ai fini del ripristino dei locali scolastici utilizzati e che pertanto le previste operazioni post-elettorali di disinfezione dei locali scolastici, generalmente eseguite in tre giorni, non potranno iniziare prima di domani 23 settembre”.
    Inoltre nel provvedimento, l’Amministrazione rende noto di aver ricevuto nei giorni scorsi una nota dalla Asl Napoli 1 rispetto all’impossibilita’ di poter ultimare le operazioni di disinfezione nella sola giornata del 23 settembre e ”numerosi dirigenti scolastici hanno rappresentato che in assenza dei necessari interventi di igienizzazione post elettorale non sussistono i presupposti igienico-sanitari per un avvio in sicurezza dell’anno scolastico in conformita’ alla delibera regionale anche alla luce del contenimento del rischio di contagio da Covid-19”. In conseguenza di cio’ – si legge nel testo – ”risulta impossibile rispettare il calendario scolastico regionale che prevede l’inizio delle lezioni per giovedi’ 24 settembre per tutti gli ordini e grado d’istruzione e si ordina per le giornate del 24, 25 e 26 la chiusura di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado insistenti sul territorio del Comune di Napoli che hanno ospitato le operazioni elettorali del 20 e 21 settembre”.
    Il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, accogliendo le istanze avanzate dai dirigenti scolastici degli istituti cittadini, ha ordinato il rinvio dell’inizio delle attivita’ didattiche al prossimo lunedi’ 28 settembre. La decisione si e’ resa necessaria per consentire il completamento delle operazioni di rimozione dei seggi elettorali e la successiva igienizzazione e sanificazione degli ambienti. “Abbiamo deciso di rinviare di alcuni giorni l’inizio delle scuole – spiega NAPOLI – venendo incontro alle giuste sollecitazioni che ci sono giunte dai dirigenti scolastici. Il protrarsi delle attivita’ di spoglio e di smontaggio dei seggi elettorali, e il conseguente slittamento delle operazioni di sanificazione dei luoghi, rendono necessaria tale misura al fine di garantire la ripresa delle attivita’ scolastiche in piena sicurezza per studenti, docenti e personale scolastico”. Anche altri sindaci del Salernitano hanno deciso di rinviare l’aperture delle scuole al 28 settembre. Tra questi, i comuni di Eboli, Sessa Cilento, Omignano, Perito, Mercato San Severino, Buccino, Capaccio, Battipaglia, Vibonati, Caselle in Pittari, Sanza, Ascea, Agropoli, Cuccaro Vetere, Cannalonga. A Scafati la riapertura e’ prevista per il primo ottobre, mentre ad Altavilla Silentina le scuole riapriranno direttamente il 5 ottobre.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Attualità4 giorni fa
    In arrivo entro il 30 settembre Bonus di 500 euro per PC/Tablet e connessione internet: quali sono i requisiti per richiederlo

    Cronaca Napoli4 giorni fa
    Truffa agli anziani in ‘trasferta’ ecco come agivano i sei napoletani arrestati. I NOMI

    Campania12 ore fa
    Coronavirus, il direttore del Cotugno di Napoli: ‘Non c’è più controllo, ora restrizioni’

    Attualità1 giorno fa
    Meteo: estate addio, arriva l’autunno e torna la neve in montagna LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, vede la polizia e scappa: si schianta con un bus. In tasca aveva 17 dosi di cocaina. Arrestato 45enne di Secondigliano

    Cronaca Napoli

    Pubblicato
    9 ore fa
    in
    20 Agosto 2020

    Share

    Tweet

    Napoli, vede la polizia e scappa: si schianta con un bus. In tasca aveva 17 dosi di cocaina. Arrestato 45enne di Secondigliano.

    Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Secondigliano, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostante stupefacenti, hanno notato in via Del Cassano un uomo in sella a uno scooter che, alla vista dei poliziotti, si è dato alla fuga ma ha impattato contro un autobus in transito.
    I poliziotti hanno bloccato l’uomo che è stato trovato in possesso di 17 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di circa 4,1 grammi. Gennaro Iorio, 45enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e denunciato poiché sorpreso alla guida del veicolo con patente revocata in quanto già sottoposto alla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali.

    Articolo Successivo
    Napoli in Abruzzo: il 4 settembre amichevole con il Teramo

    Da non perdere
    Coronavirus, positivo l’attaccante del Napoli, Petagna: è asintomatico

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Le Notizie più lette

    Campania1 giorno fa
    Maiori, il cantante invita gli spettatori a ballare: spettacolo sospeso e 1,000 euro di multa

    Cronaca4 giorni fa
    Lite in una discoteca a Misano Adriatico: 2 milanesi accoltellati da 4 giovani napoletani. Arrestati

    Campania2 giorni fa
    Violato il sistema del Consorzio Unico Campania

    Italia5 giorni fa
    ‘Voi a ballare e a dire ‘non ce n’è coviddì ‘, lo sfogo su Fb di un infermiere è virale

    Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicitàPrivacy PolicyCookie Policy LEGGI TUTTO

  • in

    Camorra, il pentito dopo 11 anni fa ritrovare i corpi del boss Russo ‘o doberman, del figlio e dell’autista

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 settimane fa
    in
    12 Agosto 2020

    Share

    Tweet

    Dopo 11 anni sono stati ritrovati i corpi del boss Francesco Russo ’o doberman, 50 anni, all’epoca capo zona a Chiaiano,  il figlio Ciro di 30 e Vincenzo Moscatelli, 47enne, avvenuto il 15 marzo del 2009 a Mugnano.
     
    Il mandante dell’omicidio sarebbe il boss pentito Antonio Lo Russo che secondo il pentito Biagio Esposito, aveva chiesto la “cortesia” al gruppo del suo compare di matrimonio Cesare Pagano, di eliminare  o’ dobermann che stava diventando troppo autonomo.  Ha raccontato il pentito”: In particolare fu Cesare Pagano che un paio di ore prima, in presenza di Oreste Sparano, Mirko Romano e Carmine Amato, a dirci che doveva fare un favore ai Lo Russo, e in particolare ad Antonio, figlio di Salvatore. Non aggiunse altro”.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Camorra, triplice omicidio: chiesto il processo immediato per il genero del boss. I pentiti: ‘C’era sangue dappertutto’
    Napoli, il boss pentito: ‘Doberman fu ucciso perchè stava recuperando 60mila euro senza dirmi niente’

    Le denunce di scomparsa risalgono a due giorni dopo e i familiari le presentarono alla stazione dei carabinieri di Marianella. Da quel giorno nessuno ha avuto più notizie dei quattro, le cui autovetture furono trovate parcheggiate a Secondigliano. Dalle poche informazioni che gli investigatori riuscirono a sapere da fonti confidenziali emerse che erano andati a un appuntamento con persone, almeno una, delle quali si fidavano. Al punto da lasciare le macchine proprie e salire su altre.
    La vicenda partì da un punto fermo: l’ultimo segnale dei due Russo, Graziano e Moscatelli. In particolare da mesi gli inquirenti studiavano le mosse di “o’ dobermann” e non fu difficile ricostruire gli ultimi spostamenti del pregiudicato, considerato un esponente di rilievo dei “Capitoni”. L’ultimo contatto conduceva a Mugnano e lì le quattro vittime di lupara bianca furono viste l’ultima volta. S’indagò sulle “celle” dei telefonini e i primi riscontri non lasciarono molti segnali di speranza: da Mugnano, l’auto a bordo della quale viaggiava Francesco Russo si spostò verso una zona del litorale Domitio, area degradata e poco abitata, luogo ideale per consumare delitti senza lasciare tracce.

    Articolo Successivo
    Capri, smottamento a Grotta delle Felci: nessun danno

    Da non perdere
    Coronavirus, effetto La Sonrisa in Campania: 29 nuovi positivi

    Pubblicità

    Le Notizie più lette

    Campania3 giorni fa
    Coronavirus, morta al Cotugno la vedova del ‘boss delle cerimonie’

    Napoli e Provincia4 giorni fa
    Poste Italiane, le pensioni di Settembre in pagamento da domani

    Campania2 giorni fa
    Scuola, il governatore De Luca: “Nelle condizioni attuali non è possibile aprire”

    Cronaca Napoli2 giorni fa
    Napoli: muore in un incidente a Secondigliano, Gaetano Todisco ‘o ninnone

    Italia5 giorni fa
    Meteo: fino a fine mese temperature africane al Sud, poi arriva l’autunno

    Campania3 giorni fa
    L’Anci Campania chiede di rinviare l’apertura delle scuole al 28 settembre

    Castellammare di Stabia3 giorni fa
    Uranio impoverito, muore De Angelis il carabiniere che combattè la camorra dell’area stabiese e dell’Agro nocerino

    Cronaca3 giorni fa
    Arzano, “topi d’appartamento” arrestati dai Carabinieri. Uno dei 3 è rimasto incastrato in un cancello durante la fuga LEGGI TUTTO

  • in

    Il clan Licciardi forniva la droga per le le piazze di spaccio Casertane. I NOMI DEI 20 ARRESTATI

    Pubblicità

    Il clan Licciardi della Masseria Cardone di Secondigliano forniva la droga che con il benestare del clan Belforte di Marcianise, veniva spacciata su due piazze di spaccio di hashish, cocaina e marijuana nei comuni casertani di San Marco Evangelista e San Nicola la Strada.

    E’ l’accusa che ha portato agli arresti 20 persone, destinatarie di ordinanze di custodia cautelare (17 in carcere e tre ai domiciliari) emesse dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. Le indagini, realizzate dal carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, fotografano un periodo che va dal 2017 al 2018, ovvero fino all’arresto del promotore del traffico, il 43enne Giuseppe Orefice, piu’ volte arrestato, che riforniva di droga il 35enne Giovanni Capuano, che a sua volta si occupava di spacciare a San Marco Evangelista.

    Pubblicità

    Nel corso delle indagini sono stati sequestrati 20 kg di hashish, 100 di cocaina e 60mila euro in contati oltre a quattro pistole e un giubbotto antiproiettile. Orefice gestiva invece personalmente la piazza di San Nicola la Strada, compresa la cosiddetta “rotonda dello spaccio” ubicata su viale Carlo III, l’arteria che attraversa vari comuni dell’hinterland casertano arrivando alle porte del capoluogo, nei pressi della Reggia di Caserta; li’, nella rotonda, operano soprattutto pusher africani, spesso arrestati ma sempre ritornati a spacciare.
    Il blitz di oggi non ha toccato i pusher della rotonda, ma i loro fornitori e gli spacciatori soprattutto italiani. Gli inquirenti hanno ricostruito il ruolo di ogni indagato all’interno dell’associazione: con Orefice e Capuano sono finiti in carcere coloro che si occupavano del coordinamento dell’attivita’ di spaccio e della raccolta del denaro, come Raffaele Solla, dirigente della squadra di calcio di San Nicola la Strada, che distribuiva la droga ai vari pusher, e Marco Luise; quest’ultimo recuperava le somme per l’acquisto di stupefacente con la complicita’ della moglie Immacolata Gargiulo (finita ai domiciliari) e l’intermediazione del cognato Salvatore Marino (carcere).
    La droga veniva acquistata presso il 22enne Antonio Scotto (carcere), contiguo al clan Licciardi di Secondigliano. A finanziare gli acquisti degli stupefacenti era il 48enne Francesco Massaro (carcere), titolare di un chiosco-bar a San Nicola La Strada. In carcere e’ stato condotto anche il 32enne Paolo Crisci, che spacciava nella citta’ di Caserta.
    Masella Vincenzo, Rendano Daniela, Papaianni Francesco, Solimando Shauni, Parisi Joseph, erano gli spacciatori che operavano su San Nicola La Strada sotto la guida di Orefice. Dopo l’arresto di quest’ultimo, avvenuto nel gennaio 2018, i pusher, non avendo un contatto diretto con Scotto, avevano iniziato ad acquistare lo stupefacente da Terlizzi Salvatore che operava sull’area di Napoli. Il finanziatore degli acquisti di stupefacente era Massaro Francesco, titolare di un chiosco su San Nicola La Strada.Nel corso dell’attività investigativa, quale riscontro alle risultanze tecniche, sono state tratte in arresto 18 persone nella flagranza di reato, sequestrando nel complesso: 20 kg di hashish; 100 gr di cocaina, 60.000 euro i contanti. Sequestrate inoltre armi (4 pistole – 215 cartucce di vario calibro) e un giubbotto antiproiettili.
    I soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere sono:
    AMOROSO Domenico (cl. 1968)CAPUANO Giovanni (cl. 1985)CRISCI Paolo (cl. 1988)DRAIF Jamal (cl. 1978)GENIALE Alessio (cl. 1978), già detenuto;GUIDA Vincenzo (cl. 1973)LUISE Marco (cl. 1975)MARINO Salvatore (cl. 1976), già detenuto;MASELLA Vincenzo (cl. 1983)MASSARO Francesco (cl. 1972)OREFICE Giuseppe (cl. 1977), già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari;PAPAIANNI Francesco (cl. 1989), già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari;PARISI Joseph (cl. 1990)PRINCIPIO Vincenzo (cl. 1999)SCOTTO Antonio (cl. 1998)SOLLA Raffaele (cl. 1977)TERLIZZI Salvatore (cl. 1976)I soggetti sottoposti agli arresti domiciliari sono:
    GARGIULO Immacolata (cl. 1980)RENDANO Daniela (cl. 1984)SOLIMANDO Shauni (cl. 1994) LEGGI TUTTO

  • in

    Traffico di droga tra Secondigliano e Caserta: 20 misure cautelari

    Venti persone, ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. È il risultato di un’operazione eseguita dai carabinieri nelle province di Napoli e Caserta.

    Le indagini, che hanno portato 17 persone in carcere e 3 agli arresti domiciliari, sono partite nel luglio del 2017 e concluse nel giugno 2018. I militari hanno individuato due sodalizi criminali, operanti nei comuni di San Nicola La Strada e San Marco Evangelista, dediti allo spaccio di hashish, cocaina e marijuana.
    Nel corso dell’attività investigativa, sono state tratte in arresto 17 persone nella flagranza di reato, sequestrando nel complesso: 20 kg di hashish; 100 gr di cocaina; 60mila euro i contanti e diverse armi (4 pistole – 215 cartucce di vario calibro) e un giubbotto antiproiettili.
    Le indagini hanno fatto emergere i ruoli di alcuni dei componenti di 2 sodalizi criminali e i rapporti con il clan camorristico dei Belforte, operante nel casertano e dei Liccardi del quartiere Secondigliano, a Napoli. Le ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea. LEGGI TUTTO

  • in

    Pregiudicato ferito a colpi di pistola a Secondigliano

    Un pregiudicato e’ stato ferito in circostanze non ancora chiarite nel quartiere Secondigliano.
    L’ uomo e’ stato colpito da un proiettile al gluteo e si e’ recato all’ Ospedale di Giugliano. Alla Polizia , ha riferito di essere stato avvicinato in via Cupa Cesarea da due persone in sella a una moto che hanno tentato di impadronirsi del suo orologio “Rolex”. Il racconto e’ al vaglio della Polizia. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, ecco come dal carcere ‘zio’ Salvatore Petriccione ha evitato una nuova faida di Scampia

    Napoli, ecco come dal carcere ‘zio’ Salvatore Petriccione ha evitato una nuova faida di Scampia. Stava per accadere nel 2017 tra le famiglie Angrisano che controllano il traffico illecito a Scampia e i Grimaldi di San Pietro a Patierno.

    C’e’ un episodio, nell’inchiesta della DDA di Napoli (pm Maurizio De Marco) che ha consentito di sgominare il feroce clan della Vanella Grassi di Scampia, ritenuto emblematico dagli inquirenti: un summit, monitorato, tenuto il 3 novembre 2017, al termine del quale viene sventata una vera e propria guerra di camorra imminente tra i vari e litigiosi gruppi che costituiscono la cosca.
    IL SUMMIT E L’INTERVENTO DAL CARCERE
    Tutto avviene grazie all’intervento “de relato” di Salvatore Petriccione (detto lo “zio”) dal carcere di Terni (l’ufficiale di collegamento per i pm era Salvatore Lamonica, arrestato ieri) che indica Vincenzo Spera (anche lui tra le persone arrestate oggi, ndr) come l’unico garante della pace. La “voce” di Petriccione evita un’altra faida che avrebbe potuto insanguinare, cosi’ com’e’ sempre successo in passato, quella “particolare” zona di Napoli dove gli interessi della camorra erano tornati ad essere di altissimo livello.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, anche le bancarelle pagavano il pizzo alla Vanella Grassi. TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI
    Napoli, sfuggiti al blitz contro la Vanella Grassi: in 6 sono latitanti

    I “girati”, come anche vengono soprannominati i camorristi di via Vanella Grassi (o della Vinella Grassi) erano riusciti a rimettere in funzione le piazze di spaccio di Scampia “chiuse” dal forze dell’ordine e magistratura, tra il 2015 e il 2016, quelle diventate tristemente famose sulle cronache di tuo il mondo per il loro vertiginoso volume d’affari. E nei mesi scorsi, quando covid-19 costringeva i cittadini a stare in casa, i pusher, con tanto di mascherina sul volto, le facevano fruttare.
     LO SCONTRO TRA GLI ANGRISANO E I GRIMALDI
    E, infatti, ogni tanto, durante il lockdown, ne veniva “beccato” qualcuno, a Napoli, con la droga o con una pistola addosso. Nel corso di questi anni, a partire dal 2016, gli inquirenti hanno anche assistito a “operazioni di rimpiazzo” delle posizioni di rilievo occupate da elementi di spicco del clan, come, per esempio i fratelli Umberto e Antonio Accurso, finiti in carcere.
    Ed e’ stato proprio nell’ambito di questa ristrutturazione dell’organizzazione che si sono creati e hanno preso potere le famiglie Angrisano (di Scampia) e Grimaldi (di San Pietro a Patierno) le quali, qualche anno fa stavano per scontrarsi se non fosse intervenuto “lo zio” (come viene soprannominato anche perche’ effettivamente e’ lo zio di molti di coloro che hanno ricoperto il ruolo di boss, in passato) Salvatore Petriccione, dal carcere. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, sfuggiti al blitz contro la Vanella Grassi: in 6 sono latitanti

    Blitz anticamorra, 6 dei 51 indagati ancora irreperibili. Si tratta di esponenti del clan della Vanella Grassi, nato dopo faida di Seecondigliano. Sei dei 51 indagati nell’ambito delle investigazioni sul clan camorristico della Vanella Grassi sono ancora irreperibili e quindi latitanti. La maxi operazione, condotta dai poliziotti del Commissariato di Scampia e della Squadra mobile […] LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, anche le bancarelle pagavano il pizzo alla ‘Vanella Grassi’. TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI

    Napoli, anche le bancarelle pagavano il pizzo alla ‘Vanella Grassi’. Il clan fondato da Salvatore Petriccione aveva il controllo totale dei traffici illeciti a Secondigliano, Scampia e Pan Pietro a Patierno.

    In data odierna, in una vasta operazione congiunta, il Commissariato di P.S. di Scampia con la Squadra Mobile della Questura di Napoli ed i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di cinquantuno persone indagate, a vario titolo, per i delitti di associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di stupefacenti, per numerosi episodi di spaccio, di estorsione aggravata e per porto e detenzione di armi.
    I provvedimenti scaturiscono da complesse indagini coordinate da questa DDA sul clan camorristico denominato “VANELLA GRASSI”, storicamente attivo nell’area nord di Napoli, dapprima satellite dei DI LAURO e poi confluito nel cartello scissionista degli AMATO PAGANO, sino a diventare potente consorteria autonoma dopo la sanguinosa faida del 2012-13 che ne ha segnato la vittoriosa contrapposizione agli ABETE ABBINANTE.In base alle investigazioni, che coprono il periodo che va dal 2016 a tutt’oggi e che si sono sviluppate mediante un’intensa attività investigativa di tipo tecnico, con numerosi riscontri e priva di significativi apporti dichiarativi, l’organizzazione camorristica “VANELLA GRASSI”, da consorteria unitaria si è successivamente articolata in gruppi separati sia pure confederati tra loro, tutti sottoposti al potere direttivo di PETRICCIONE SALVATORE, il fondatore del clan il quale, sia pure da detenuto, era in grado di far pervenire all’esterno gli ordini essenziali al funzionamento dell’organizzazione criminale attraverso i soggetti che si recavano a colloquio in carcere.
    Il primo gruppo è quello dei GRIMALDI, operativi sull’area di San Pietro a Patierno;il secondo gruppo è quello degli ANGRISANO, insediati nella zona di Scampia. Ad esso si riconnettono alcuni soggetti ancora attivi nell’area di Secondigliano intorno alla Vanella Grassi, ossia l’intreccio di viuzze in cui il clan è nato.Si è potuto accertare che, nel corso del tempo, i rapporti tra questi gruppi eterogenei hanno vissuto momenti di fibrillazione, Il principale – se non unico – interesse che li tiene uniti è infatti costituito dall’acquisto di ingenti quantitativi di stupefacente e la loro distribuzione attraverso il duplice sistema della vendita all’ingrosso (cosiddetti passaggi di mano) e la cessione al dettaglio della droga attraverso il sistema delle piazze di spaccio.Invero, la capacità di intimidazione delle bande in questione è direttamente riconducibile al fatto che essi si presentano sia ai clan che operano nell’area nord del capoluogo, sia ai commercianti che taglieggiano come ‘i compagni della Vinella’.
    In questo modo, PETRICCIONE SALVATORE è il possessore di un vero e proprio ‘brand criminale’ che consente ai gruppi di mantenere una fondamentale unità di intenti ed esercitare la pressione sul territorio in quanto la sua figura evoca il carattere violento e brutale che ha connotato la VINELLA GRASSI sin dalla sua nascita come gruppo di fuoco prima dei DI LAURO e poi degli AMATO PAGANO, formazione criminale quest’ultima a cui debbono da sempre l’accesso ad un canale privilegiato per l’acquisto della cocaina.Sono stati ricostruiti nel dettaglio i canali di distribuzione dello stupefacente sino alle piazze ed i luoghi di stoccaggio, sono stati individuati i soggetti incaricati del taglio e del confezionamento delle dosi.
    Si è inoltre accertato che le piazze di spaccio nei territori controllati dalla Vinella sono state ricostituite operando nelle consuete forme di distribuzione al minuto, proseguendo senza interruzione anche nel periodo di lock-down.Sono stati raccolti elementi in ordine a numerosi episodi di natura estorsiva, esercitata in danno di commercianti di San Pietro a Patierno e di altre zone su cui il clan esercita la propria influenza (Scampia e Secondigliano).
    E’ risultato, inoltre, che i titolari delle bancarelle del mercatino ambulante che si tiene settimanalmente nei pressi della villa comunale di Scampia, oltre 120, dovevano regolarmente versare all’organizzazione una somma a titolo di tangente.Il controllo sul territorio e su ogni forma di produzione di ricchezza è stato così pervasivo che l’organizzazione criminale da un lato, avanzava richieste estorsive anche ai pusher della droga venduta ‘fuori sistema’ e, dall’altro, progettava rapine all’Ufficio Postale di San Pietro a P. ed al deposito dell’area commerciale di Calata Capodichino.
    GENERALITÀ DEI SOGGETTI DESTINATARI DEL PROVVEDIMENTO:
    1. ALIOTTA Lucia 03.11.1982;
    2. AMODIO Anna Maria 26.11.1964;
    3. ANGRISANO Alessio 19.08.1997;
    4. ANGRISANO Angelo 22.05.1988;
    5. ANSIOSO Alfonso 24.10.1978;
    6. AURIOLA Pasquale 25.10.1996;
    7. BORRIELLO Giovanni 15.04.1982;
    8. BURZIO Luigi 07.05.1972;
    9. CAPOLUONGO Antonio 12.01.1980;
    10. CAPUOZZO Vittorio 22.08.1991;
    11. CARELLA Vincenzo 22.12.1995;
    12. CARRIOLA Patrizia 28.01.1964;
    13. CASABURI Carmine 19.07.1997;
    14. CASTRO Pietro 02.02.2000;
    15. COSTAGLIOLA Mario 13.10.1997;
    16. CRISCUOLO Salvatore 11.11.1981;
    17. CRISTILLI Antonio 12.10.1994;
    18. D’ALESSIO Benito 12.08.1991;
    19. DE MASO Nicola 22.09.1971;
    20. DEL PIANO Pietro 30.12.1988;
    21. DI NATALE Luigi 24.06.1977;
    22. ESPOSITO Giuseppe 01.11.1996;
    23. FORTE Francesco 24.06.1990;
    24. GIGLIO Vincenzo 23.02.1977;
    25. GRIMALDI Nico 03.10.1995;
    26. GRIMALDI Vincenzo 10.01.1988;
    27. GUARINO Antonio 20.10.1982;
    28. IMPROTA Eduardo 07.08.1958;
    29. IPPOLITO Umberto 28.04.1986;
    30. LAMONICA Salvatore 03.08.1978;
    31. MOSTARDINI Isidoro 04.09.1990;
    32. PAONE Raffaele 12.09.1984;
    33. PECORELLI Nunzio 03.01.1993;
    34. PETRICCIONE Salvatore 01.05.1970;
    35. POCCI Gaetano 08.08.1992;
    36. RAPILLO Giuseppe 04.08.1993;
    37. ROMANO Gennaro 13.02.1992;
    38. ROMEO Luigi 20.01.1978;
    39. RICCI Carmine 07.05.1997;
    40. RUSSO Alberto 22.10.1965;
    41. SAGGESE Antonio 01.01.2000;
    42. SCARPELLINI Giuseppe 19.01.1974;
    43. SPERA Vincenzo 10.07.1978
    44. STRAZZULLI Giovanni 26.10.1995;
    45. TORINO Gennaro 01.10.1991;
    46. BOTTIGLIERI Ciro, 06.04.1979
    47. GUIDI Ciro, 01.05.78
    48. PAPPAGALLO Luigi, 28.05.97
    49. D’AMBROSIO Alessio Francesco, 24.07.98
    50. MINCIONE Emanuele, 26.10.95
    51. PARZIALE PASQUALE, 16.04.1991I
    Pubblicità LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, pusher beccato a ‘lavoro’ al rione Berlingieri

    Ieri sera gli agenti del Commissariato Secondigliano, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato in via Monte Nevoso un giovane che, dopo aver prelevato qualcosa dalla tasca, l’ha consegnata ad alcune persone in cambio di banconote. I poliziotti lo hanno bloccato trovandolo in possesso della somma di 5 euro e […] LEGGI TUTTO