More stories

  • in

    Caso Berlusconi: il giudice Esposito annuncia querele

    Il presidente della sezione feriale della Cassazione che il primo agosto del 2013 emise la sentenza di condanna sul procedimento Mediaset per frode fiscale, Antonio Esposito, annuncia querele in merito a ricostruzioni giornalistiche sul suo ruolo nella decisione. Lo annuncia il suo legale Antonio Grieco.
    “Ho ricevuto mandato dal Dr. Antonio Esposito di adire le vie legali – fa sapere l’avvocato – nei confronti di tutti coloro che si siano resi responsabili della gravissima diffamazione ai suoi danni posta in essere nel corso della trasmissione andata in onda ieri sera su Rete Quattro ‘Quarta Repubblica’”. Il legale contesta in particolare le frasi “”la magistratura e’ marcia… moltissimi processi sono truccati”, “trame della magistratura italiana e quella del Giudice Esposito fa parte, sta dentro a questa storia”, “il Giudice Esposito e’ uno scandalo””. L’avvocato rileva poi che sono state mandate piu’ volte in onda dichiarazioni “rese nel 2014 ad un legale di Berlusconi (ed allegate al suo ricorso alla CEDU) da un bagnino termale, un cameriere ed uno chef di un albergo di proprieta’ dell’ex sindaco di Lacco Ameno, parlamentare di FI, coordinatore regionale di FI, legatissimo al Berlusconi, con le quali i tre dipendenti accusavano il Dr. Esposito di avere ‘di continuo’ usato espressioni volgari e minacciose riguardanti il predetto Berlusconi”.

    Al riguardo, secondo il legale, “quello che e’ estremamente grave e’ che il conduttore ha omesso di dare notizia della fondamentale circostanza che il Dr. Esposito, come venne a conoscenza di tali dichiarazioni, ebbe a sporgere querela nei confronti dei tre dipendenti per le false affermazioni a lui attribuite e dai lui mai fatte, ed ha omesso altresi’ di ricordare che, a seguito di tale querela, fu instaurato procedimento penale attualmente pendente presso la Procura della Repubblica di Napoli”. L’avvocato sostiene che “tale notizia, non solo era contenuta nel comunicato che il legale del Dr. Esposito aveva fatto pervenire a Rete Quattro ed alla redazione di Quarta Repubblica – comunicato del tutto ignorato – ma era apparsa, alcuni giorni prima, su numerosi quotidiani che davano conto della querela del Dr. Esposito e della pendenza del procedimento penale”. LEGGI TUTTO

  • in

    Acquistavano droga dai nigeriani di Aversa e la trafficavano a Potenza: 5 arresti a Salerno

    Si rifornivano di droga dai nigeriani di Aversa e la trafficavano a Potenza. Il giro era gestito dal ras di Salerno, Gaetano Romano: 5 finiscono ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga delle Squadre Mobili di Potenza e Salerno, coadiuvati dagli investigatori della Squadra Mobile di Vicenza e di Caserta, all’alba di oggi hanno eseguito, […] LEGGI TUTTO

  • in

    Traffico di droga tra Aversa, Salerno e Potenza: 5 arresti

    Traffico di droga tra Aversa, Salerno e Potenza: 5 arresti. E’ in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione della polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Salerno, finalizzata all’esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di cinque soggetti, ritenuti […] LEGGI TUTTO

  • in

    Camorra, colpo alla famiglia Senese: 28 arresti e sequestro beni per 15 milioni di euro

    Camorra, colpo alla famiglia Senese: 28 arresti e sequestro beni per 15 milioni di euro. Dalle prime ore di questa mattina è in corso una vasta operazione di polizia giudiziaria coordinata dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia che svela la penetrazione della camorra nel tessuto economico della capitale e del nord italia. Militari del Nucleo Speciale […] LEGGI TUTTO

  • in

    Falso in bilancio e bancarotta: arrestati l’imprenditore napoletano Buontempo e il suo commercialista

    Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito un provvedimento cautelare emesso dal 38° Ufficio GIP di Napoli, con cui è stata disposta l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari a carico dell’imprenditore di origine partenopea Giancarlo Buontempo, residente a Roma, e del dottore commercialista napoletano Umberto Scala. L’indagine, […] LEGGI TUTTO

  • in

    Al casinò con soldi delle carte rubate, sgominata la banda di napoletani

    Con le carte di credito sottratte ai clienti delle banche facevano puntate da migliaia di euro nei casino’ della Slovenia, oltre a prelevare dagli Atm di tutta Italia. Faceva base a Napoli l’organizzazione criminale sgominata grazie all’operazione ‘Incognito’ – condotta dalla Procura partenopea – che ha portato all’esecuzione di undici misure cautelari (dieci in carcere, […] LEGGI TUTTO

  • in

    I clan di Secondigliano alla conquista del litorale Pontino: 22 arresti

    I clan napoletani della camorra di Secondigliano volevano conquistare le piazze di spaccio del litorale Pontino a sud del Lazio, quelle intorno alla provincia di Latina e che guardano il mare. Per questo gli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia di Roma hanno fatto scattare l’arresto di 22 persone eseguito dai carabinieri. Tra le persone finite […] LEGGI TUTTO

  • in

    Banconote false da 50 euro: arrestato 40enne arrivato in bus da Napoli a Pescara

    Pescara. Spaccio di banconote false da 50 euro: arrestato dalla Guardia di Finanza 40enne di Napoli arrivato in bus a Pescara. L’uomo durante un controllo al terminal bus pescarese è stato trovato con 2500 euro falsi nello zaino, pronte per essere messi in circolazione nella zona di Pescara. La guardia di finanza ha arrestato il […] LEGGI TUTTO

  • in

    Pentito legato ai Casalesi suicida in carcere

    Pentito legato ai Casalesi suicida in carcere. E’ un “appartenente al clan Lubrano affiliato ai Casalesi, il collaboratore di giustizia che si e’ tolto la vita” ieri pomeriggio “nella sua cella del carcere” di Sollicciano a Firenze “impiccandosi con una maglia”. Lo afferma il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, col segretario generale Donato Capece sulla […] LEGGI TUTTO

  • in

    Processo Cerciello, il pusher di Trastevere in aula: ‘Quella sera non ero lì’

    Processo Cerciello: “La sera della morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega non ero a Trastevere per spacciare droga. Non ho niente a che fare con alcuna cessione di stupefacenti”. Lo ha detto il presunto pusher Italo Pompei nel corso dell’udienza di oggi – che si e’ svolta a porte chiuse, nell’aula Occorsio del tribunale di […] LEGGI TUTTO

  • in

    Scacco ai Casalesi: confiscati beni per 22 milioni di euro

    Scacco ai Casalesi: confiscati beni per 22 milioni di euro. Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito il decreto di confisca emesso dalla Corte di Appello capitolina nei confronti di 5 appartenenti al “Clan dei Casalesi – Gruppo IOVINE” nonché al contiguo e autonomo “Gruppo GUARNERA” di Acilia, avente ad […] LEGGI TUTTO