More stories

  • in

    Relazione extraconiugale, moglie e figlia tentano di uccidere l’amante: arrestate

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    23 minuti fa
    in
    18 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Boscoreale: Tentato omicidio in piazza Vargas. Scoperta la tresca del marito, con sua figlia tenta di uccidere l’amante. 46enne arrestata dai Carabinieri, in manette anche 20enne.
    Aveva intrapreso una relazione extra-coniugale con una 45enne di Boscoreale. Moglie e figlia di 46 e 20 anni lo hanno scoperto ed hanno deciso di dare una lezione all’amante.
    L’hanno incontrata in piazza Vargas, nel centro di Boscoreale, e l’hanno aggredita. La colluttazione è terminata quando la 46enne ha pugnalato la “rivale” all’addome con un coltello a scatto. I Carabinieri – allertati dal 118 – hanno trovato la vittima riversa a terra e bloccato le 2 incensurate.
    Le 2 donne sono finite in manette e sottoposte agli arresti domiciliari: dovranno rispondere davanti al giudice di tentato omicidio. La vittima se la caverà con 15 giorni di prognosi. L’arma è stata rinvenuta e sequestrata.

    Articolo Successivo
    Truffa agli anziani in ‘trasferta’ ecco come agivano i sei napoletani arrestati. I NOMI

    Da non perdere
    Sequestrate 29mila mascherine non a norma a Gragnano e Pompei

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Ti potrebbe interessare

    Cronaca Napoli

    Pubblicato
    7 minuti fa
    in
    18 Settembre 2020

    Truffa agli anziani in ‘trasferta’ ecco come agivano i sei napoletani arrestati.

    Stamani i Carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni, coadiuvati nelle fasi di localizzazione ed esecuzione dalle Compagnie Carabinieri di Napoli-Centro, Napoli-Vomero, Napoli-Stella, Napoli-Poggioreale, Casoria e Torre del Greco, hanno dato esecuzione all’ordinanza n. 6149/19 R.G.N.R. e n. 1281/20 R.G. G.I.P. applicativa della misura della custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Brindisi, nei confronti di sei soggetti tutti residenti nella provincia di Napoli e indagati a vario titolo per i reati di associazione per delinquere finalizzata alle truffe aggravate, nonché truffa e tentata truffa aggravata in concorso (artt. 416 comma 2, 640 comma 1 e 2, nn. 2 e 2 bis; 56, 110, 640 c.p.). In particolare, l’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Brindisi, accogliendo completamente l’ipotesi accusatoria cosi come formulata nella sua richiesta dal Pubblico Ministero Alfredo Manca, ha emesso:
    a) ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di:
    – RIVIECCIO Fortunato nato a Napoli il 15/02/2000, ivi residente in via A. Einstein n. 24;
    – SCIALÒ Alessio nato a Napoli il 25/10/1992, ivi residente in via dei Tribunali n. 264;
    b) ordinanza di applicazione degli arresti domiciliari nei confronti di:
    – VITULLI Emanuele nato a Napoli il 20/12/1990, ivi residente in via Marsala Isola n. 12 – Quartiere Scampia;
    – LIMATOLA Emanuele nato a Napoli il 26/08/1996, ivi residente in via Nominale n. 18/D;
    – SIANO Vincenzo nato a San Giorgio a Cremano (NA) il 20/06/1978, residente a Portici (NA) in via Farina n. 14;
    – ABETE Arnaldo nato a Napoli il 27/12/1998, ivi residente in via Vicoletto III Avvocata n. 3.

    L’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Brindisi e condotta dai militari della Stazione di San Vito dei Normanni (BR) e da quelli della Stazione di Latiano (BR) è scaturita da una serie di truffe perpetrate dal mese di giugno 2019 al mese di agosto 2019, in danno di anziani residenti nei comuni brindisini di Ostuni, Latiano, San Pancrazio Salentino, San Vito dei Normanni, Ceglie Messapica e Fasano. In particolare dall’indagine, sviluppatasi anche con complesse attività tecniche, è stato riscontrato quanto brevemente riassunto.
    L’associazione per delinquere, promossa e capeggiata da RIVIECCIO e SCIALÒ (altri componenti sono in corso di identificazione), prevedeva che alcuni indagati effettuassero l’attività di telefonista da Napoli e altri di trasfertisti in continuo movimento per i comuni italiani. Una volta raggiunta la località prescelta, i trasfertisti individuavano le vittime in strada (principalmente anziani soli) e dopo un periodo di osservazione, comunicavano al telefonista i relativi domicili. Il telefonista, collegandosi al sito internet PagineBianche.it, effettuava una ricerca “per indirizzo” di tutte le utenze fisse attestate presso quella particolare località, individuando le generalità della vittima designata e contattandola di conseguenza. Il c.d. telefonista si presentava alle vittime alternativamente e fraudolentemente come:
    – avvocato difensore di un prossimo congiunto della singola vittima trattenuta dai Carabinieri per aver cagionato un sinistro stradale, proponendo un versamento cauzionale di diverse migliaia di euro per evitarne l’arresto;
    – figlio/a ovvero nipote della stessa vittima, chiedendo di versare un importo per saldare in contrassegno un presunto corriere che avrebbe dovuto consegnare un plico presso l’abitazione del genitore/nonno;
    Il c.d. trasfertista, dopo aver ricevuto il nulla osta dal telefonista, suonava al citofono dell’abitazione della persona offesa, presentandosi dunque come assistente del predetto avvocato o come il corriere indicato sopra, al fine di ritirare il denaro richiesto.
    Gli indagati, per eludere gli eventuali controlli delle Forze d’Ordine, utilizzavano quotidianamente almeno 3 SIM card intestate fraudolentemente a cittadini extracomunitari, sostituendole nella medesima giornata o al più tardi in quella successiva.
    Complessivamente finora sono stati scoperte:
    – 10 truffe consumate in danno di anziani residenti tra i comuni brindisini di Ostuni, Latiano, San Pancrazio Salentino, San Vito dei Normanni, Ceglie Messapica e Fasano;
    – 14 truffe tentate in danno di anziani, sempre residenti nei predetti comuni;
    La Procura della Repubblica di Brindisi e i Carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni sono ovviamente ancora impegnati in ulteriori approfondimenti investigativi, relativamente ad altre truffe tentate e consumate recentemente con il medesimo modus operandi.

    Continua a leggere

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    1 ora fa
    in
    18 Settembre 2020

    Napoli. Maxi sequestro di “bionde”. Carabinieri sottraggono al mercato nero oltre 600 chili di sigarette. Presi 3 contrabbandieri.

    I carabinieri della sezione operativa della compagnia di Casoria lo tenevano d’occhio da tempo. Quando lo hanno fermato a Casavatore, in Via Enrico Fermi, a bordo del suo furgone, non ha potuto fare altro che arrendersi all’evidenza.Nel cassone del suo veicolo mezza tonnellata di bionde di contrabbando. Oltre 2500 stecche di sigarette di varie marche italiane ed estere, stoccate in 100 scatoloni di cartone. Arrestato per contrabbando di TLE, Pompeo Tuccillo – 57enne di Arzano già noto alle forze dell’ordine – è stato sottoposto ai domiciliari in attesa di giudizio.
    Gli stessi militari hanno arrestato per lo stesso reato Luigi e Raffaele Ruggiero: il primo 43enne napoletano del quartiere Mercato, il secondo 20enne, anch’egli napoletano, di Capodichino. Anche loro a bordo di un furgone, percorrevano Via Nazionale delle Puglie, nella frazione di Arpino di Casoria. Nel loro veicolo 22 cartoni contenenti TLE per complessivi 125 chili. Entrambi sono stati ristretti in camera di sicurezza in attesa di giudizio.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca5 giorni fa
    Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere

    Attualità7 giorni fa
    SCANDALO Treviso, luci rosse in parrocchia : cinque euro per un “incontro” in canonica e l’uso della bici in prestito

    Cronaca5 giorni fa
    Il commovente post di Ciro a Maria Paola: ‘Non immagino una vita senza di te’

    Cronaca Napoli5 giorni fa
    Napoli, sparatoria a Mergellina per ‘uno sguardo di troppo’: tre giovani feriti LEGGI TUTTO

  • in

    Ex giardiniere del comune di Gragnano e il genero del boss producevano marijuana a Eboli

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    39 minuti fa
    in
    16 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Ex giardiniere del comune di Gragnano e il genero del boss producevano marijuana a Eboli.
     
    Il pollice verde di esperto giardiniere Giuseppe Nastro lo aveva messo al servizio di un gruppo di produttori e trafficanti di marijuana nord Africani nella Piana del Sele. Il pensionato ex dipendete del comune di Gragnano, (il 75enne lavorava proprio come giardiniere) si trova ora agli arresti domiciliari. E con lui anche e Carlo Langelotti, 31 enne anche lui di Gragnano. Lui è il genero del boss del clan D’Alessandro, Francesco Vollono detto ciccio o’ biondo. Langellotti si è ripreso da qualche mese visto che rimasto gravemente ferito nella rissa del maggio scorso in via Vittorio Veneto a Gragnano nel corso della quale fu ucciso il giovane Nicholas Di Martino, a sua volta nipote del boss ergastolano Nicola Carfora.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Grave, in rianimazione il cugino di Nicholas ucciso a coltellate due settimane fa

    I due gragnanesi sono agli arresti domiciliari mentre in carcere è finito, il magrebino Sami Ouarsan, detto “Biscotto” che controllava il traffico di droga a Eboli con un suo complice, Minor Taei Abdnbi (classe ’97) sfuggito alla cattura. I quattro, secondo le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Salernoì sono ritenuti indiziati, a vario titolo, di concorso in acquisto, detenzione, messa in vendita, distribuzione e commercializzazione di rilevanti quantità di sostanze stupefacenti. Si cerca un altro destinatario della misura cautelare, al momento irreperibile.
    Il provvedimento si fonda sulle indagini, condotte dai militari della Compagnia di Eboli partite nell’ottobre 2019, che hanno permesso di ricostruire l’esistenza di un articolato gruppo criminale, con ruoli e competenze ben definite, dedito alla vendita di hashish e marijuana. Il gruppo era ritenuto capace di assicurarsi molteplici canali di approvvigionamento per la droga, soprattutto dall’hinterland napoletano, con la collaborazione di un amico e connazionale, deputato a ricevere gli ordinativi e a curare le consegne, nonché di due italiani, uno dei quali vicino agli ambienti criminali dei Monti Lattari. Il fatturato dell’impresa criminale si aggirava intorno ai 30mila euro.

    Articolo Successivo
    SELFIE MORTALE In cima alla cascata due ragazze muoiono per scattare una foto

    Da non perdere
    La praticante convola a nozze: l’avvocato le regala un buono per la separazione

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Ti potrebbe interessare

    Gragnano, rubano 38mila euro di energia elettrica: presi due pregiudicati rumeni

    Incendio a Gragnano lunghi la statale per Agerola

    Regionali Campania, Patriarca(Fi): ‘Dubbi su di me? Dovevano dirmelo prima’

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    8 ore fa
    in
    16 Settembre 2020

    E’stata portata a termine l’operazione anti-droga Biscotto, dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Salerno e Napoli: i carabinieri del Comando Provinciale di Salerno con il supporto del Nucleo Cinofili di Sarno, stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal GIP del Tribunale di Salerno, nei confronti di 4 persone.
    I 4 indagati (2 in carcere, 2 agli arresti domiciliari) risultano gravemente indiziati, a vario titolo, di “concorso in acquisto, detenzione, messa in vendita, distribuzione e commercializzazione di rilevanti quantità di sostanze stupefacenti”. Sono in corso le ricerche di un quarto uomo,Minor Taei Abdnbi (classe ’97), destinatario di misura cautelare in carcere, al momento irreperibile. Il provvedimento si fonda sui gravi indizi di colpevolezza acquisiti dalla Compagnia Carabinieri di Eboli nell’ambito di un’indagine svolta a partire dal mese di ottobre 2019.
    L’indagine ha permesso di ricostruire l’esistenza di un articolato sodalizio criminale, già noto agli ambienti investigativi, con ruoli e competenze ben definite, dedito alla commissione dei suddetti delitti, con ingente disponibilità di stupefacente del tipo, hashish e marijuana, promosso e diretto Sami Ouarsan (classe ’81), detto “Biscotto”, cittadino marocchino da anni dimorante sul territorio italiano, inquadrato nell’ambiente dello spaccio di sostanze stupefacenti e capace di assicurarsi molteplici canali di approvvigionamento, soprattutto dall’hinterland napoletano, con la collaborazione di un amico e connazionale, deputato a ricevere gli ordinativi e a curare le consegne, nonché di due uomini, ora ai domiciliari, residenti a Gragnano, Giuseppe Nastro (classe ’45) e Carlo Langelotti (classe ’89), quest’ultimo, a sua volta, molto vicino agli ambienti criminali dei Monti Lattari. Intanto, sono stati segnalati numerosi assuntori di stupefacente: il fatturato dell’impresa criminale si aggirava intorno ai 30.000 euro.

    Continua a leggere

    Castellammare di Stabia

    Pubblicato
    10 ore fa
    in
    16 Settembre 2020

    E’ accusato di avere abusato del nipotino di soli 10 anni. L’uomo, 57 anni,di Castellammare di Stabia rintracciato e’ stato arrestato a Saronno in provincia di Varese.

    Ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina, gli agenti del commissariato stabiese e della Squadra Mobile di Varese. Secondo le indagini degli agenti di Castellammare di Stabia, e’ stato permesso di accertare che ”in tre distinte occasioni – come scrive in una nota il procuratore di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso – anche approfittando del rapporto di parentela esistente tra la vittima e lo zio, quest’ultimo aveva fatto entrare nella sua abitazione, a Castellammare di Stabia, il nipote costringendolo ad avere rapporti sessuali con se”’. Il destinatario del provvedimento restrittivo, rintracciato a Saronno presso il domicilio del fratello, e’ stato portato nel carcere di Busto Arsizio.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca4 giorni fa
    Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere

    estrazioni6 giorni fa
    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10 e Lotto

    Attualità5 giorni fa
    SCANDALO Treviso, luci rosse in parrocchia : cinque euro per un “incontro” in canonica e l’uso della bici in prestito

    Cronaca3 giorni fa
    Il commovente post di Ciro a Maria Paola: ‘Non immagino una vita senza di te’ LEGGI TUTTO

  • in

    Carabiniere ucciso, Elder in lacrime in aula: ‘Chiedo scusa. E’ stata la notte peggiore della mia vita’

    Carabiniere ucciso, Elder in lacrime in aula: “Chiedo scusa. E’ stata la notte peggiore della mia vita” : Il giovane americano fa dichiarazioni spontanee durante processo.   “Voglio chiedere scusa a tutti, alla famiglia Cerciello e ai suoi amici. Al mondo intero. Quella notte e’ stata la peggiore della mia vita e se potessi tornare […]
    Completa la lettura di Carabiniere ucciso, Elder in lacrime in aula: ‘Chiedo scusa. E’ stata la notte peggiore della mia vita’
    Cronache della [email protected] LEGGI TUTTO

  • in

    Resta in carcere Antonio Gaglione: per il gip è responsabile della morte della sorella

    Acerra

    Pubblicato
    8 ore fa
    in
    14 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Il gip Fortuna Basile del Tribunale di Nola ha convalidato l’arresto eseguito nei confronti di Michele Antonio Gaglione, fratello di Maria Paola, la ragazza morta nella notte tra venerdì e sabato ad Acerra . Nei suoi confronti il gip ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere. I reati contestati a Michele Gaglione sono omicidio preterintenzionale “con l’aggravante di aver agito per motivi abietti o futili, non condividendo la relazione affettiva della sorella” con Ciro Migliore in quanto quest’ultimo è un ragazzo trans. Michele Gaglione resta quindi nel carcere napoletano di Poggioreale.
    “Io e Paola dovevamo scappare insieme, per venire qui ad Acerra a vivere. Quando l’hanno scoperto, il fratello e il padre l’hanno picchiata. Era il 13 luglio”. A raccontarlo è Ciro Migliore, compagno di Maria Paola Gaglione, ragazzo trans la cui relazione con Maria Paola era osteggiata dalla famiglia di quest’ultima. “Per il futuro sognavamo di vivere insieme, di essere felici – ha proseguito Ciro – ora provo solo dolore. Questa volta me l’hanno tolta per sempre”.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il fratello di Maria Paola si dichiara innocente: ‘Volevo solo parlare, non l’ho speronata’ 
    Morte di Maria Paola, dai social incoraggiamenti a Ciro. L’Arci Gay: ‘Erano stati minacciati di morte’ 
    “Non è vero che è stato un incidente”, ha spiegato ancora Ciro che si trova ricoverato nella clinica Villa dei Fiori ad Acerra per le ferite riportate nella caduta. Respinge la versione fornita dal fratello di Maria Paola, Michele Gaglione. “Mi è corso dietro, mi voleva per forza ammazzare. L’abbiamo incontrato per caso, me lo sono trovato dietro”. Ciro ha raccontato che qualche giorno prima dell’accaduto “Michele è venuto sotto casa mia e mi voleva tagliare la testa, c’era anche mia madre, può confermarlo. Mi ha detto che mi avrebbe ammazzato. Mi diceva che non dovevo stare con la sorella altrimenti mi ammazzava”.
    “La mia famiglia mi vuole bene per quello che sono, non ce la faccio piu’. Doveva succedere a tutte e due. Io la voglio vedere per l’ultima volta a Maria Paola”. Cosi’ Ciro nel corso di una conferenza stampa con la sua famiglia ricorda la compagna Maria Paola. “Dovevo morire assieme a lei ma lasciatemela vedere per l’ultima volta”, dice ancora Ciro Maglione, il trans che aveva una relazione con la ventenne morta dopo essere stata investita sul motorino dal fratello. “Devono pagare Michele, la mamma e il papa’. Tutti e tre devono pagare. Ma quale incidente, non e’ vero”, ribadisce la madre. “Il problema non era che io non avevo un lavoro. Per loro eravamo due femmine”. Ha spiegato ancora Ciro Migliore. Lo scenario che emerge e’ quello di una famiglia che non avrebbe accettato la relazione tra la figlia e Ciro perche’ quest’ultimo e’ transessuale. “Sognavamo solo di essere felici e di stare insieme. Ora – racconta Ciro parlando dalla clinica dove e’ ricoverato – provo solo dolore. Ero fidanzato con Paola da tre anni, e’ ancora la mia fidanzata, anche se non c’e’ più”.

    Articolo Successivo
    Coronavirus, si scende sotto i 100 contagi in Campania: oggi sono 90

    Da non perdere
    Pomigliano, scoperto mentre incendiava rifiuti in strada: denunciato

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Ti potrebbe interessare

    Consigliere di Fratelli d’Italia: ‘L’omosessualità è contro natura’. Poi si scusa. E’ bufera

    Domani a Caivano i funerali di Maria Paola

    Morte Maria Paola, il gip: “Esiste pericolo di recidiva”. I legali: “Ricorreremo al Riesame”

    Acerra

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    14 Settembre 2020

     Saranno celebrati domani alle 16:30 nella chiesa di San Paolo Apostolo, al parco Verde di Caivano, i funerali di Maria Paola Gaglione.
    La salma, come si apprende da un collaboratore del parroco, don Maurizio Patriciello, arrivera’ in chiesa alle 16. Michele Gaglione e’ “incapace di controllare le proprie pulsioni aggressive” e dimostra “una accentuata pericolosita’ sociale”. Con queste motivazioni il gip di Nola (NAPOLI), Fortuna Basile, convalida il fermo e ordina la custodia cautelare in carcere per il fratello di Maria Paola, la giovane rimasta uccisa cadendo dal motorino durante l’i’nseguimento da parte di Michele, che avversava la sua relazione con un giovane transgender, Ciro, rimasto ferito in modo non grave. Il giudice rileva la collaborazione offerta dall’arrestato, che ha fornito anche dichiarazioni autoaccusanti (ad esempio ammettendo di aver colpito Ciro dopo la caduta) ma reputa “inadeguata” la misura della detenzione domiciliare, malgrado Gaglione sia incensurato. L’accusa resta quella di omicidio preterintenzionale aggravato da futili motivi, oltre che di violenza privata nei confronti di Ciro.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Morte Maria Paola, il gip:Esiste pericolo di recidiva. I legali: Ricorreremo al Riesame
    Il fratello di Maria Paola si dichiara innocente: Volevo solo parlare, non l’ho speronata
    Il gip quindi non ritiene attendibile la versione difensiva del 30enne, che ha ammesso l’inseguimento di notte in una stradina di campagna, lui a bordo di una potente moto sulle tracce dello scooter guidato da Ciro, che teneva Maria Paola sul sellino. “Li ho inseguiti, ma non per fare del male. Maria Paola era andata via di casa un mese fa – ha detto Gaglione al pm, secondo quanto riferito dai suoi difensori Domenico Paolella e Giovanni Cantelli – e noi familiari eravamo disperati. Volevo fare in modo che tornasse a casa”. Ai carabinieri, Ciro Migliore ha invece riferito che durante l’inseguimento Michele Gaglione lo ha piu’ volte minacciato di morte dicendogli, testualmente, “ti taglio la testa”. Ciro racconta anche che la caduta e’ avvenuta dopo avere ricevuto da Michele un calcio sul lato sinistro dello scooter (segni di pedate sono stati rilevati dai carabinieri sul lato sinistro del motociclo). Secondo l’arrestato, invece, la caduta – rivelatasi fatale per Maria Paola che ha battuto violentemente la testa contro un irrigatore in cemento – sarebbe avvenuta a causa della perdita di controllo dello scooter da parte di Ciro. La difesa di Gaglione annuncia ricorso al Riesame.
    Dal palazzo del parco Verde dove vive Ciro si levano urla da parte di donne che chiedono giustizia e inveiscono contro Gaglione e i suoi genitori: “Devono pagare, tutti e tre, per ogni giorno che gli resta da vivere. Non si puo’ morire per amore”. Non servono le parole di pace e riconciliazione che il parroco, don Maurizio Patriciello, continua a pronunciare. Il sacerdote oggi si e’ recato a trovare i genitori di Maria Paola, chiusi in casa dal giorno della morte della figlia. Oggi, 14 settembre, Ciro e la sua compagna avrebbero festeggiato tre anni di amore, vissuto con felicita’ e con coraggio malgrado gli ostacoli e le “continue minacce, anche di morte, da parte della famiglia di lei” raccontate dal giovane transgender. Di quell’amore restano solo i post sorridenti sui social e la fedina che Ciro ha ancora in tasca dalla notte dell’incidente: voleva offrirla oggi alla donna della sua vita.

    Continua a leggere

    Acerra

    Pubblicato
    9 ore fa
    in
    14 Settembre 2020

    Si è dichiarato innocente Antonio Michele Gaglione, fratello di Maria Paola, la 20enne morta nella notte tra venerdì e sabato ad Acerra.

    Il 22enne è stato ascoltato dal gip di Nola, Fortuna Basile in sede di udienza di convalida del fermo, dovendo rispondere del reato di omicidio preterintenzionale. Gaglione, assistito dall’avvocato Domenico Paolella, ha confermato di aver inseguito con il suo scooter la sorella Maria Paola ma ha spiegato che l’intento non era farla cadere e ha negato la circostanza dello speronamento come causa dell’incidente a seguito del quale la sorella è morta.
    Al giudice Michele Gaglione ha raccontato che stava inseguendo la sorella perché voleva parlarle e perché voleva recuperare il rapporto spezzato con lei a seguito della relazione con Ciro, uomo trans, anch’egli in sella dello scooter con Maria Paola. Nel corso dell’inseguimento, ha proseguito, si è accorto che il mezzo a bordo del quale viaggiavano Ciro e Maria Paola è sbandato e che i due sono caduti. Il giudice si è riservato di decidere: la decisione è attesa nel pomeriggio.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Morte di Maria Paola, dai social incoraggiamenti a Ciro. L’Arci Gay: ‘Erano stati minacciati di morte’ 
    “Antonio non ha mai detto quella frase (“Volevo darle una lezione, non ucciderla. Ma era stata infettata da quella”, ndr), non risulta nei verbali e neppure l’ha detto quando e’ stato ascoltato la prima volta dai carabinieri. La famiglia? E’ devastata, con una figlia morta e un figlio in carcere…”. Lo ha sottolineato l’avvocato Domenico Paolella, legale di Antonio Gaglione.
    L’avvocato ha fatto anche sapere che il gip Fortuna Basile, al termine dell’interrogatorio sostenuto da Antonio Gaglione davanti al pm Patrizia Mucciacito, si e’ riservata la decisione che, probabilmente, potrebbe giungere nel pomeriggio. L’avvocato Paolella ha voluto sottolineare che durante l’interrogatorio, durato quasi tre ore, si e’ fatta chiarezza “sulle imprecisioni circolate sulla vicenda”.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca2 giorni fa
    Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere

    Avellino e Provincia6 giorni fa
    Omicidio di camorra in Irpinia: ucciso il boss De Paola

    estrazioni6 giorni fa
    Vincite Lotto: a Cercola centrato un terno da 47.500 euro

    estrazioni4 giorni fa
    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10 e Lotto LEGGI TUTTO

  • in

    ‘Omicidio dello zainetto’ 7 ergastoli per boss e gregari del clan D’Amico

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    1 ora fa
    in
    8 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    ‘Omicidio dello zainetto’ 7 ergastoli per boss e gregari del clan D’Amico.
    Il 9 aprile 2019 i killer fecero fuoco appena videro l’obiettivo. Anche se era in compagnia del nipotino, anche se erano a poca distanza da una scuola. Luigi Mignano si trascino’ a fatica verso l’ingresso dell’istituto scolastico e mori’ crivellato di proiettili. Dietro di lui a terra rimase uno zainetto, lasciato cadere dal bimbo che per miracolo non venne colpito. Il cognato del boss Ciro Rinaldi e’ stato ucciso in via Ravello a San Giovanni a Teduccio, quartiere orientale di Napoli. Il giudice per le indagini preliminari ha inflitto per questo omicidio di camorra sette ergastoli.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Omicidio dello zainetto: la Dda chiede 7 ergastoli e 14 anni per il pentito Umberto D’Amico
    Omicidio dello zainetto, il gip: ‘Se è morto solo Luigi Mignano è stato solo un caso’;il killer voleva uccidere tutti, anche il piccolo
    Carcere a vita a Salvatore Autiero, Pasquale Ariosto, Gennaro Improta, Giovanni Salomone, Giovanni Musella, Umberto Luongo e Ciro Rosario Terracciano. Quattordici anni sono stati inflitti invece al pentito Umberto D’Amico. Tutti accusati di aver preso parte alle fasi preliminari e organizzative dell’agguato nell’ambito della guerra trentennale tra i Rinaldi e i Mazzarella, con la loro appendice dei Luongo-D’Amico.
    Camorra, il boss dopo l’omicidio dello zainetto: ‘Non è finita qua, ora devo attaccare a quello nel Pazzigno’

    Articolo Successivo
    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10eLotto

    Da non perdere
    Victor Osimhen, il nuovo idolo dei tifosi del Napoli

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    8 Settembre 2020

    Le assunzioni negli uffici di diretta collaborazione della presidenza della Giunta regionale della Campania possono essere determinate da criteri di fiducia ma la qualificazione economica deve attenersi a determinate caratteristiche, che variano in virtu’ dell’incarico ricoperto.
    Tre anni fa, parallelamente agli accertamenti della Procura della Repubblica di NAPOLI, anche la Procura regionale della Corte dei Conti della Campania si e’ attivata per scoprire se l’assunzione di quattro ex vigili urbani di Salerno negli uffici di staff della Regione Campania abbia potuto comportare uno sperpero di denaro pubblico. Due indagini condotte con discrezione dai magistrati, balzate agli onori della cronaca nell’imminenza della tornata elettorale, che coinvolgono il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, indagato dall’ufficio inquirente partenopeo coordinato dal procuratore Giovanni Melillo (pm Ida Frongillo, procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli) per falso e truffa. L’indagine sugli eventuali profili penali della vicenda, si e’ appreso ieri da fonti investigative, potrebbe anche concludersi con un’archiviazione. L’avvocato del presidente De Luca, il professore Andrea Castaldo, in relazione all’attivita’ investigativa dei pm Frongillo e Piscitelli, anche questa risalente a circa tre anni fa (2007), si e’ detto “estremamente tranquillo”. “C’era un’ipotesi investigativa, – ha ribadito il professore Castaldo – ma noi abbiamo fornito tutte le spiegazioni del caso in un clima di serenita’ disarmante”. Per il legale del governatore, le ipotesi di reato sono destituite di ogni fondamento: “non e’ assolutamente vero – ha tenuto a precisare Castaldo – che i quattro ex vigili urbani erano autisti e continuano a fare gli autisti, pur prendendo lo stipendio da dirigenti”. Per scoprirlo, sostiene, “basta leggere i documenti, che sono pubblici”.
    “Per fare parte dello staff del presidente – sottolinea l’avvocato Castaldo – non c’e’ bisogno di lauree e curricula, perche’ si tratta di un incarico strettamente fiduciario”. “Gli ex agenti – dice ancora il professore Castaldo – hanno un ufficio, hanno una loro postazione, ma poiche’ si tratta di una ‘segreteria mobile’, infatti il presidente si sposta sempre in auto e non utilizza ne’ treno e ne’ aereo, loro lo accompagnano. Svolgono il loro lavoro di segreteria e anche gli autisti”. “Il modo piu’ comodo per rintracciare De Luca, infatti, – sostiene – e’ mettersi in contatto con il cellulare della segreterie”. L’avvocato Castaldo ha infine ricordato che l’interrogatorio e’ stato sostenuto dal presidente De Luca nell’ottobre dell’anno scorso. “In verita’ – ha spiegato il legale – credevamo che il procedimento si fosse ormai concluso”. Nessun commento, invece, da parte del legale sull’indagine contabile, anche questa ancora in piedi sui presunti danni all’Erario provocati dai quattro decreti con il quali il 10 marzo 2016, De Luca ha assunto nel suo staff i quattro ex vigili urbani di Salerno.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca Napoli6 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Coronavirus3 giorni fa
    Coronavirus, focolaio a Portici con 30 contagiati

    Campania7 giorni fa
    Coronavirus, picco nel Vesuviano: 5 nuovi casi a Pompei, 4 a Poggiomarino, 3 ad Ercolano. Ora sono oltre 70

    Avellino e Provincia9 ore fa
    Omicidio di camorra in Irpinia: ucciso il boss De Paola LEGGI TUTTO

  • in

    Molto rumore per nulla…inchiesta su De Luca e i vigili verso l’archiviazione

    Campania

    Pubblicato
    14 secondi fa
    in
    7 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Potrebbe non avere un esito processuale l’inchiesta della Procura di Napoli che ipotizza nei confronti del governatore della Campania Vincenzo De Luca.
     
    E quindi riprendendo il titolo di una delle più brillanti commedie di William Shakespeare verrebbe da dire: “Molto rumore per nulla”. Secondo quanto si apprende, infatti, gli inquirenti stanno valutando anche la possibilita’ di archiviare l’indagine, risalente al 2017, che si e’ occupata della “promozione” di quattro vigili urbani di Salerno a componenti di staff alla Regione Campania con incarichi di addetti o responsabili di segreteria.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE : De Luca indagato, post su Fb: ‘Indagine vecchia 3 anni, ho fatto risparmiare 84mila euro all’anno’

    Le polemiche sulla vicenda dei quattro vigili urbani furono innescate da Severino Nappi, ex consigliere regionale (Forza Italia) che punto’ il dito contro i quattro decreti firmati dal presidente, il 10 marzo 2016, con i quali De Luca cooptava nella segreteria del governatore quattro suoi collaboratori. Sulla vicenda ci fu uno scontro, all’epoca, tra opposizione e Giunta, e anche la presentazione di una interrogazione, anche questa firmata dall’ex assessore al Lavoro della Giunta Caldoro, Severino Nappi.

    Da non perdere
    De Luca indagato, post su Fb: ‘Indagine vecchia 3 anni, ho fatto risparmiare 84mila euro all’anno’

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Campania

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    7 Settembre 2020

    Prima le braccia allargate davanti ai cronisti e la scelta del silenzio, poi, da 35 minuti circa, lo sfogo sarcastico in Fb, con un post dal titolo ‘STRAORDINARIO SCOOP GIORNALISTICO’, in maiuscolo, preceduto e seguito da due crocette rosse.
    “Si apprende della tempestiva scoperta che da tre anni e’ aperta una indagine sull’organizzazione dell’Ufficio di segreteria del Presidente della Regione Campania”, scrive Vincenzo De Luca nelle prime righe. “L’indagine, dovuta – sottolinea – e’ partita da un esposto di un ex assessore regionale (ex Forza Italia, ora leghista) che mentre era assessore si faceva dare incarichi per centinaia di migliaia di euro dall’azienda regionale dei trasporti Eav (indagate, indagate…). L’indagine triennale verte su questo interrogativo: gli autisti che a turno accompagnano il Presidente della Regione, erano solo autisti o facevano anche lavoro di segreteria? Nel frattempo si comunica che l’organizzazione dell’Ufficio di segreteria della Presidenza attuale, rispetto a quella precedente, ha comportato un risparmio di 84.000 euro l’anno”. Poi un “buon lavoro a tutti”, seguito subito da “e per il resto, non perdere tempo e non farsi distrarre”. Affida a una nota le sue precisazioni da legale del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, l’avvocato Andrea R. Castaldo.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Indagine su De Luca e i vigili promossi nata da un incidente del 2017 
    De Luca indagato per abuso d’ufficio e truffa per i suoi autisti
    “L’indagine risale a 3 anni fa – scrive – il presidente De Luca ha fornito i necessari chiarimenti attraverso la produzione di apposita documentazione nonche’ nel corso di un interrogatorio avvenuto peraltro molti mesi prima dello lockdown e non durante esso come erroneamente riportato. La contestazione per cui si procede non riguarda l’ipotesi di abuso di ufficio. Non risponde al vero che i vigili urbani siamo stati ‘promossi in Regione”. “L’ufficio di diretta collaborazione del presidente della giunta regionale della Campania nell’ambito di una riorganizzazione che ha consentito un risparmio di spesa rispetto alla precedente amministrazione – aggiunge Castaldo – si avvale di collaboratori scelti in base a criteri di fiducia, di autorizzati alla guida, in precedenza in servizio presso il comando di polizia municipale di Salerno. Al fine di evitare ogni strumentalizzazione in considerazione del momento elettorale prossimo, si ribadisce come non vi sia alcuna novita’ processuale e il procedimento sia del 2017. Si resta sereni e fiduciosi di un esito positivo attesa la piena legittimita’ e trasparenza delle scelte amministrative degli uffici competenti confidando nella competenza serieta’ e l’equilibrio della autorita’ inquirente”.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia6 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Cronaca Napoli5 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Cronaca6 giorni fa
    Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce

    Coronavirus6 giorni fa
    Focolaio Coronavirus, a San Giuseppe Vesuviano 31 contagiati: il sindaco leghista obbliga l’uso della mascherina per tutta la giornata LEGGI TUTTO

  • in

    De Luca indagato, post su Fb: ‘Indagine vecchia 3 anni, ho fatto risparmiare 84mila euro all’anno’

    Campania

    Pubblicato
    14 secondi fa
    in
    7 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Prima le braccia allargate davanti ai cronisti e la scelta del silenzio, poi, da 35 minuti circa, lo sfogo sarcastico in Fb, con un post dal titolo ‘STRAORDINARIO SCOOP GIORNALISTICO’, in maiuscolo, preceduto e seguito da due crocette rosse.
    “Si apprende della tempestiva scoperta che da tre anni e’ aperta una indagine sull’organizzazione dell’Ufficio di segreteria del Presidente della Regione Campania”, scrive Vincenzo De Luca nelle prime righe. “L’indagine, dovuta – sottolinea – e’ partita da un esposto di un ex assessore regionale (ex Forza Italia, ora leghista) che mentre era assessore si faceva dare incarichi per centinaia di migliaia di euro dall’azienda regionale dei trasporti Eav (indagate, indagate…). L’indagine triennale verte su questo interrogativo: gli autisti che a turno accompagnano il Presidente della Regione, erano solo autisti o facevano anche lavoro di segreteria? Nel frattempo si comunica che l’organizzazione dell’Ufficio di segreteria della Presidenza attuale, rispetto a quella precedente, ha comportato un risparmio di 84.000 euro l’anno”. Poi un “buon lavoro a tutti”, seguito subito da “e per il resto, non perdere tempo e non farsi distrarre”. Affida a una nota le sue precisazioni da legale del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, l’avvocato Andrea R. Castaldo.
    “L’indagine risale a 3 anni fa – scrive – il presidente De Luca ha fornito i necessari chiarimenti attraverso la produzione di apposita documentazione nonche’ nel corso di un interrogatorio avvenuto peraltro molti mesi prima dello lockdown e non durante esso come erroneamente riportato. La contestazione per cui si procede non riguarda l’ipotesi di abuso di ufficio. Non risponde al vero che i vigili urbani siamo stati ‘promossi in Regione”. “L’ufficio di diretta collaborazione del presidente della giunta regionale della Campania nell’ambito di una riorganizzazione che ha consentito un risparmio di spesa rispetto alla precedente amministrazione – aggiunge Castaldo – si avvale di collaboratori scelti in base a criteri di fiducia, di autorizzati alla guida, in precedenza in servizio presso il comando di polizia municipale di Salerno. Al fine di evitare ogni strumentalizzazione in considerazione del momento elettorale prossimo, si ribadisce come non vi sia alcuna novita’ processuale e il procedimento sia del 2017. Si resta sereni e fiduciosi di un esito positivo attesa la piena legittimita’ e trasparenza delle scelte amministrative degli uffici competenti confidando nella competenza serieta’ e l’equilibrio della autorita’ inquirente”.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Indagine su De Luca e i vigili promossi nata da un incidente del 2017 
    De Luca indagato per abuso d’ufficio e truffa per i suoi autisti

    Da non perdere
    Coniugi morti nell’incidente stradale festeggiavano il loro anniversario

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Avellino e Provincia

    Pubblicato
    6 minuti fa
    in
    7 Settembre 2020

    Sono risultati tutti negativi i circa 50 tamponi naso-faringei molecolari eseguiti ai pazienti ricoverati e al personale in servizio nell’Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino.
    A seguito della positività al Covid-19 riscontrata in una 75enne di Montemiletto (AVELLINO) al momento delle dimissioni, ma negativa a due tamponi effettuati prima e durante il ricovero, sono immediatamente scattate le misure di controllo e di sicurezza. Il tampone naso-faringeo è stato effettuato non solo ai pazienti e al personale di reparto, ma anche a tutti gli operatori che hanno avuto contatti con la donna durante il suo periodo di degenza.
    Nonostante il buon esito delle prime verifiche, eseguite contestualmente a una attenta azione di sanificazione ambientale, l’Azienda ospedaliera fa sapere che “il livello di attenzione resta alto e l’attività di monitoraggio e di screening continuerà anche nei prossimi giorni”.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia6 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Cronaca Napoli5 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Cronaca6 giorni fa
    Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce

    Coronavirus6 giorni fa
    Focolaio Coronavirus, a San Giuseppe Vesuviano 31 contagiati: il sindaco leghista obbliga l’uso della mascherina per tutta la giornata LEGGI TUTTO

  • in

    Indagine su De Luca e i vigili promossi nata da un incidente del 2017

    Cronaca

    Pubblicato
    18 secondi fa
    in
    7 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    E’ nata da un incidente stradale l’inchiesta della Procura di Napoli che vede coinvolto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, indagato per falso e truffa in merito alla nomina di 4 vigili urbani di Salerno a ruoli di responsabilità nella Segreteria del Presidente della Giunta regionale.
     
    L’incidente stradale in questione risale al 15 settembre 2017, quando una ragazza di 22 anni a bordo di uno scooter venne investita dall’auto di De Luca che percorreva via Giovanni Negri in direzione opposta rispetto a quella consueta, secondo quanto permesso da un’ordinanza del Comune risalente al 2008 (anno in cui De Luca era sindaco di Salerno) per i “veicoli forze di polizia”. Alla guida dell’auto del presidente sedeva Claudio Postiglione, dipendente della Polizia municipale di Salerno, nominato con decreto del presidente della Giunta regionale nella Segreteria del presidente (con la funzione ‘Rapporti con strutture regionali e istituzioni locali) insieme ad altri tre colleghi: Gianfranco Baldi, nominato responsabile Rapporti con Conferenza Stato-Regioni, Conferenza unificata e organi legislativi nazionali, Giuseppe Muro, nominato responsabile Rapporti con i consiglieri regionali, e Giuseppe Polverino, nominato responsabile Rapporti con Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, tutti per l’intera durata del mandato presidenziale.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: De Luca indagato per abuso d’ufficio e truffa per i suoi autisti
    https://archivio.cronachedellacampania.it/2017/09/lauto-de-luca-investe-ragazza-la-ciarambino-attacca-un-pericolo-pubblico
    Sono proprio i decreti 62, 63, 64 e 65 del 10 marzo 2016 quelli finiti sotto la lente d’ingrandimento dei magistrati napoletani. Ma il particolare del vigile urbano di Salerno alla guida dell’auto del presidente della Regione Campania non sfuggì alle opposizioni e, in particolare, all’allora consigliere regionale di Forza Italia Severino Nappi (oggi candidato con la Lega): al riguardo, il 20 settembre 2017, Nappi presentò un’interrogazione rivolta al capo di Gabinetto del presidente della Giunta regionale, al direttore generale per le Risorse umane della Giunta regionale, al procuratore della Repubblica di Napoli e al procuratore presso la Corte dei Conti della Campania.
    Nell’interrogazione, Nappi chiedeva di conoscere “le ragioni per le quali l’autovettura dell’ente in uso al presidente della Giunta risulti abitualmente condotta da personale diverso da uno dei circa 20 dipendenti in ruolo presso l’Amministrazione regionale inquadrati con mansioni di autista” e le disposizioni normative “in forza delle quali è consentita tale assegnazione a soggetti inquadrati e assegnati allo svolgimento di funzioni differenti” e “che consentono l’attribuzione al dipendente pubblico in tale contesto di un trattamento economico corrispondente a quello di dirigente”.
    Nappi chiedeva infine di conoscere “la rispondenza al vero che analoghe mansioni del Postiglione e analogo trattamento economico corrispondente a quello di dirigente siano stati attribuiti anche ai signori Gianfranco Baldi, Giuseppe Muro e Giuseppe Polverino, tutti dipendenti del Comune di Salerno con inquadramento nei ruoli della locale polizia municipale e tutti comandati presso l’Amministrazione regionale”.

    Da non perdere
    Al Manchester City, due positivi al coronavirus a 14 giorni dal via alla Premier

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Area Vesuviana

    Pubblicato
    3 ore fa
    in
    7 Settembre 2020

    Quarto, sorpresa con 900 euro falsi nel reggiseno: arrestata 36enne.

    I carabinieri della tenenza di Quarto hanno arrestato per possesso di monete false una 36enne del posto già nota alle forze dell’ordine. I militari, impegnati in un servizio di controllo del territorio, hanno notato la 36enne entrare e uscire da diversi negozi del posto senza acquistare nulla.

    Insospettiti, hanno bloccato e perquisito la donna che è stata trovata in possesso 9 banconote da 100 euro false, nascoste nell’imbottitura del reggiseno. Arrestata, è stata sottoposta ai domiciliari in attesa di giudizio. Ora i militari continuano le indagini per risalire ai fornitori delle banconote false e il giro di affari della donna e di eventuali complici.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia6 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Cronaca Napoli5 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Cronaca6 giorni fa
    Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce

    Coronavirus6 giorni fa
    Focolaio Coronavirus, a San Giuseppe Vesuviano 31 contagiati: il sindaco leghista obbliga l’uso della mascherina per tutta la giornata LEGGI TUTTO

  • in

    De Luca indagato per abuso d’ufficio e truffa per i suoi autisti

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 ore fa
    in
    7 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    De Luca indagato per abuso d’ufficio e truffa per i suoi autisti. Secondo il quotidiano la Repubblica: vigili urbani di Salerno sarebbero stati promossi nel suo staff.

    Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è indagato dalla procura di Napoli per abuso d’ufficio e truffa. E ‘la notizia pubblicata da Repubblica. La vicenda riguarda presunte agevolazioni e favoritismi destinati ai suoi quattro storici autisti, vigili urbani dipendenti di Salerno, trasferiti presso l’ente regionale a Napoli e poi promossi dello staff-segreteria del governatore. Per loro, che non sono indagati, ci sarebbe stato anche uno stipendio maggiorato.
    L’ipotesi degli inquirenti – secondo quanto riportato dal quotidiano – sarebbe stata costruita anche sulla base di alcune denunce presentato dall’opposizione di centrodestra in consiglio regionale. L’inchiesta risale a qualche anno fa ed è andata avanti nel più stretto riserbo, compreso l’interrogatorio cui si è sottoposto il governatore tempo addietro. De Luca avrebbe risposto ai magistrati di aver fatto “solo quello che la legge gli consentiva”.
    Tutto è nato da un incidente stradale avvenuto il 15 settembre 2017 quando, a Salerno, nel percorrere via Lanzarone, l’auto con a bordo il presidente finì sullo scooter di una studentessa. A quel punto sono scattati gli accertamenti, anche sull’autista che guidava l’automobile di servizio, ossia uno dei quattro vigili urbani promossi.

    Articolo Successivo
    Oroscopo, la giornata di oggi segno per segno

    Da non perdere
    Incidente in Puglia: muore coppia della provincia di Avellino: 10 feriti

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 giorni fa
    in
    5 Settembre 2020

    E’ caccia ai due latitanti del ‘cartello’ di clan (i reduci dei Lo Russo, Amato Pagano e Vanella Grassi) che era temporaneo e nato per affrontare con urgenza un problema comune di mancanza di ‘liquidita’ di cassa’ che impediva di pagare mensilita’ a famiglie di detenuti e ad affiliati.
    Ieri in  13 sono stati arrestati tra Scampia e dintorni per aver sequestrato e chiesto un riscatto da 40mila euro alla famiglia di un giovane operaio. Il bersaglio scelto per il rapimento era componete di una famiglia del quartiere di Marianella, estranea a logiche di criminalita’ organizzata, lavoratori che in passato avevano avuto occasione di accumulare denaro grazie a una attivita’ di parcheggiatore abusivo. Per mettere insieme pero’ i 40mila euro, fu necessaria una colletta tra parenti. Il sequestro di persona avvenne con il ‘permesso’ del clan Amato-Pagano, il cui referente di zona, Salvatore Roselli,  tra i destinatari della misura restrittiva, per rendere pubblico l’assenso del gruppo all’azione, bacio’ sulla bocca due dei sequestratori.
    “Ora ti taglio tre dita e gliele porto a tua madre. Poi se tua madre ha chiamato le guardie, con queste pistole prendiamo e ti spariamo”. Così il ras Costantino Raia aveva minacciato il giovane operaio usando frasi come scritte per la sceneggiatura di una puntata di Gomorra La Serie. La descrizione dell’accaduto, esposta ai militari , e’ contenuta delle cento pagine dell’ordinanza di custodia cautelare con la quale il gip di Napoli Fabrizio Finamore ha disposto la custodia cautelare in carcere per quindici persone ritenute affiliate ai clan Lo Russo, Amato Pagano e Vanella Grassi, alleatisi per autofinanziarsi con il rapimento dell’operaio che guadagna appena 1100 euro al mese ma la cui famiglia , secondo le informazioni in possesso dei clan, ha una certa disponibilita’ finanziaria.
    La vittima, dopo essere stata circondata da due scooter e tre moto mentre era a bordo della sua Fiat Panda, e’ stata sequestrata e condotta in una sorta di garage. Li’ si trova seduta e legata con una corda quando i due sequestratori, preoccupati dal fatto che la madre potesse denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine, iniziano a minacciarla.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Napoli, colpo ai clan di Scampia: arrestati in 13
    Qualche minuto prima uno dei rapitori aveva tentato di ustionargli il palmo della mano con un accendino: “…lo vedi, a me piace di accendere la gente e se tua madre ha chiamato le guardie tu muori appicciato (“dato alle fiamme”, ndr)”, gli dice e poi, ancora, “se tua madre ha chiamato le guardie, gli ultimi 5-6mila euro li usera’ per atterrarti”. Alla fine, dopo una trattativa con la famiglia, i sequestratori, dall’iniziale richiesta di 50mila euro si “accontentano” di 40mila euro: 30mila versati subito e i restanti 10mila dopo la liberazione dell’operaio, che avviene al termine di diverse ore di terrore che alla vittima saranno sembrate una eternita’.
    Dalle indagini è emerso che Nunzio Pecorelli, Antonio Ronga, Gennaro Caldore, Pasquale Pandolfo, Pasquale Concilio e Salvatore Roselli sarebbero i responsabili dell’iniziale prelievo del 30enne. Costantino Raia, Gennaro Rianna, Giuseppe Calemma, Pietro Gemito, Ciro Montagna, Emanuele Mincione e Giovanni Strazzulli avrebbero avuto il ruolo nella fase centrale del sequestro con le minacce; mentre Ronga e Nico Grimaldi avrebbero infine materialmente ricevuto i 40mila euro, suddivisi in quattro buste da 10mila euro, dalle mani dei genitori di Pettirosso.
    (nella foto Scampia e nei riquadri i due boss: da sinistra Nicola Roselli e Costantino Raia)

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia6 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Cronaca Napoli5 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Cronaca6 giorni fa
    Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce

    Coronavirus6 giorni fa
    Focolaio Coronavirus, a San Giuseppe Vesuviano 31 contagiati: il sindaco leghista obbliga l’uso della mascherina per tutta la giornata LEGGI TUTTO

  • in

    Pregiudicato di Napoli inseguito e ucciso a Licola

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    11 ore fa
    in
    6 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Pregiudicato di Napoli inseguito e ucciso lungo le strade di Licola. E’ accaduto  nella serata di sabato.
    E’ stato inseguito e ucciso con modalita’ tipiche della camorra, visto che l’ultimo colpo e’ stato indirizzato alla testa. E’ morto cosi’ il 35enne Marco Di Flora, pregiudicato di Napoli. Il raid e’ avvenuto in via Cuma a Licola, localita’ del litorale flegreo, dove la vittima ha cercato rifugio forse dopo un inseguimento. I killer lo hanno raggiunto davanti una villetta privata e hanno fatto fuoco. Indagano polizia e carabinieri.
    L’uomo probabilmente aveva appuntamento con qualcuno e quando si è accorto dell’agguato ha lasciato lo scooter ed ha cercatoi la fuga a piedi ma è stato raggiunto e finiti. Gli investigatori nel corso della notte hanno ascoltato familiari e conoscenti. L’uomo aveva allacciato una relazione sentimentale con una donna del posto. Si sta anche analizzando il suo cellulare per capire con chi aveva rapporti e se nelle chat o attraverso gli sms vi si siano indizi utili alle indagini.

    Articolo Successivo
    Oroscopo, la giornata di oggi segno per segno

    Da non perdere
    Superenalotto, nessun 6 ne 5+. Realizzati otto 5 da 24mila euro. LE QUOTE

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    19 ore fa
    in
    5 Settembre 2020

    E’ caccia ai due latitanti del ‘cartello’ di clan (i reduci dei Lo Russo, Amato Pagano e Vanella Grassi) che era temporaneo e nato per affrontare con urgenza un problema comune di mancanza di ‘liquidita’ di cassa’ che impediva di pagare mensilita’ a famiglie di detenuti e ad affiliati.
    Ieri in  13 sono stati arrestati tra Scampia e dintorni per aver sequestrato e chiesto un riscatto da 40mila euro alla famiglia di un giovane operaio. Il bersaglio scelto per il rapimento era componete di una famiglia del quartiere di Marianella, estranea a logiche di criminalita’ organizzata, lavoratori che in passato avevano avuto occasione di accumulare denaro grazie a una attivita’ di parcheggiatore abusivo. Per mettere insieme pero’ i 40mila euro, fu necessaria una colletta tra parenti. Il sequestro di persona avvenne con il ‘permesso’ del clan Amato-Pagano, il cui referente di zona, Salvatore Roselli,  tra i destinatari della misura restrittiva, per rendere pubblico l’assenso del gruppo all’azione, bacio’ sulla bocca due dei sequestratori.
    “Ora ti taglio tre dita e gliele porto a tua madre. Poi se tua madre ha chiamato le guardie, con queste pistole prendiamo e ti spariamo”. Così il ras Costantino Raia aveva minacciato il giovane operaio usando frasi come scritte per la sceneggiatura di una puntata di Gomorra La Serie. La descrizione dell’accaduto, esposta ai militari , e’ contenuta delle cento pagine dell’ordinanza di custodia cautelare con la quale il gip di Napoli Fabrizio Finamore ha disposto la custodia cautelare in carcere per quindici persone ritenute affiliate ai clan Lo Russo, Amato Pagano e Vanella Grassi, alleatisi per autofinanziarsi con il rapimento dell’operaio che guadagna appena 1100 euro al mese ma la cui famiglia , secondo le informazioni in possesso dei clan, ha una certa disponibilita’ finanziaria.
    La vittima, dopo essere stata circondata da due scooter e tre moto mentre era a bordo della sua Fiat Panda, e’ stata sequestrata e condotta in una sorta di garage. Li’ si trova seduta e legata con una corda quando i due sequestratori, preoccupati dal fatto che la madre potesse denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine, iniziano a minacciarla.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Napoli, colpo ai clan di Scampia: arrestati in 13
    Qualche minuto prima uno dei rapitori aveva tentato di ustionargli il palmo della mano con un accendino: “…lo vedi, a me piace di accendere la gente e se tua madre ha chiamato le guardie tu muori appicciato (“dato alle fiamme”, ndr)”, gli dice e poi, ancora, “se tua madre ha chiamato le guardie, gli ultimi 5-6mila euro li usera’ per atterrarti”. Alla fine, dopo una trattativa con la famiglia, i sequestratori, dall’iniziale richiesta di 50mila euro si “accontentano” di 40mila euro: 30mila versati subito e i restanti 10mila dopo la liberazione dell’operaio, che avviene al termine di diverse ore di terrore che alla vittima saranno sembrate una eternita’.
    Dalle indagini è emerso che Nunzio Pecorelli, Antonio Ronga, Gennaro Caldore, Pasquale Pandolfo, Pasquale Concilio e Salvatore Roselli sarebbero i responsabili dell’iniziale prelievo del 30enne. Costantino Raia, Gennaro Rianna, Giuseppe Calemma, Pietro Gemito, Ciro Montagna, Emanuele Mincione e Giovanni Strazzulli avrebbero avuto il ruolo nella fase centrale del sequestro con le minacce; mentre Ronga e Nico Grimaldi avrebbero infine materialmente ricevuto i 40mila euro, suddivisi in quattro buste da 10mila euro, dalle mani dei genitori di Pettirosso.
    (nella foto Scampia e nei riquadri i due boss: da sinistra Nicola Roselli e Costantino Raia)

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia5 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Coronavirus6 giorni fa
    Coronavirus, dipendente positivo: chiusa la sede Inps Napoli di via De Gasperi

    Cronaca Napoli4 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina

    Cronaca5 giorni fa
    Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce LEGGI TUTTO

  • in

    San Valentino Torio, confessa l’assassino di Luana Rainone

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    3 ore fa
    in
    4 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    San Valentino Torio, confessa l’assassino di Luana Rainone
     
    Ha confessato l’assassino di Luana Rainone. Si tratta di Nicola Del Sorbo 34 anni, una compagna e 3 figli in comunità, altri 2 da donne diverse, che abita in una cascina nel terreno adiacente il pozzo all’interno del quale all’alba i carabinieri hanno trovato, avvolto in una coperta, il corpo della donna. Sarebbe stato lo stesso Del Sorbo ad accompagnare i carabinieri in via Fontanelle al confine tra San Valentino Torio e Poggiomarino dove aveva occultato il cadavere della 31enne, sposata e mamma di una bimba di 5 anni, scomparsa lo scorso 23 luglio senza lasciare tracce. Il movente del delitto sarebbe passionale: i due erano amanti, ma lui aveva deciso di mettere fine alla relazione. Una decisione non condivisa dalla donna che si sarebbe recata a casa dell’uomo per chiedere chiarimenti. Un litigio, alterato dagli effetti dello stupefacente assunto da entrambi, sfociato nel sangue. Difeso dall’avvocato Luigi Senatore è accusato di omicidio e occultamento di cadavere.
     
    RESSARE ANCHE:Era scomparsa da un mese la donna ritrovata nel pozzo: Fermato il presunto assassino
    La donna, sposata e con una figlia piccola, era scomparsa da oltre un mese. Era uscita di casa alle 14 del 23 luglio e da quel momento non vi aveva fatto piu’ ritorno. I familiari avevano denunciato la sua scomparsa, ma le ricerche non avevano dato nessun esito. I carabinieri nel corso di queste settimane hanno vagliato ogni pista, dalla meno grave alla piu’ tragica. La svolta nelle indagini e’ arrivata nelle ultime ore: gli elementi raccolti dagli investigatori hanno portato al 34 enne che nella serata di ieri e’ stato fermato. L’uomo  nel corso dell’incontro con la sua amante ha il controllo perche’ pressato in maniera abbastanza forte affinche’ lasciasse l’attuale compagna ed i figli” . Il 34 enne, dopo un matrimonio finito male, conviveva con un’altra donna. In passato aveva avuto gia’ problemi con la giustizia.
    Ora sara’ trasferito in carcere a Salerno in attesa di comparire dinanzi al Gip per l’udienza di convalida. L’ipotesi piu’ accreditata e’ che l’omicidio possa essere stato commesso proprio lo scorso 23 luglio, al culmine di una lite tra i due. L’ uomo ha confermato la versione resa ai carabinieri anche nel corso dell’interrogatorio tenuto dal sostituto procuratore presso il Tribunale di Nocera Inferiore, Viviana Vessa. L’accusa nei suoi confronti e’ di omicidio volontario e di occultamento di cadavere. L’autopsia disposta dalla Procura di Nocera Inferiore potrebbe permettere di chiarire eventuali punti oscuri. E’ sotto choc l’Agro Nocerino Sarnese, dove soltanto poche ore prima si era consumata un’altra storia agghiacciante con l’omicidio di una neonata.
    L’amministrazione comunale di San Valentino Torio ha disposto il lutto cittadino, annullando tutti gli eventi fino al giorno in cui si terranno i funerali di Luana. Domani alle 20, invece, e’ in programma una fiaccolata “per riflettere sull’accaduto e condannare ogni forma di violenza sulle donne”. Il sindaco, Michele Strianese, ha affermato che si tratta di “un episodio che sconvolge i nostri cuori e le nostre menti rispetto al quale bisogna stare solo in silenzio e in meditazione”.

    Articolo Successivo
    Coronavirus, chiuso il pronto soccorso del Cardarelli: troppi pazienti positivi

    Da non perdere
    Armi detenute illegalmente: arrestato 47enne

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Castellammare di Stabia

    Pubblicato
    4 ore fa
    in
    4 Settembre 2020

    Il 4 settembre 2020, alle prime luci dell’alba, a Castellammare di Stabia (NA), i militari della locale Compagnia Carabinieri hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di furto aggravato, il ventiquattrenne GALLO Luciano ed il ventiduenne LIBERO Rosario, entrambi stabiesi e già noti alle Forze del’Ordine.
    Gli stessi sono stati individuati da una pattuglia della Sezione Radiomobile che, poco prima, aveva ricevuto da un cittadino la segnalazione di un furto appena consumato all’interno di un salone per parrucchiere. Acquisita la descrizione degli autori, i militari hanno individuato, nelle vicinanze dell’esercizio commerciale, due soggetti corrispondenti, per fattezze fisiche e vestiario, ai malviventi. Questi, sottoposti a perquisizione, sono stati sorpresi in possesso della somma di 15 euro, corrispondente a quella appena asportata dall’esercizio commerciale all’interno del quale si erano introdotti forzando la saracinesca. I due uomini, dopo le formalità di rito, sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Castellammare di Stabia, in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Le attività d’indagine sono ancora in corso al fine di appurare se i due siano gli autori di altri furti avvenuti nei giorni scorsi ai danni di altri esercizi commerciali.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia3 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Coronavirus5 giorni fa
    Coronavirus, dipendente positivo: chiusa la sede Inps Napoli di via De Gasperi

    Angri6 giorni fa
    Drone colpisce sposa di Angri: ricoverata in ospedale, colpa di fotografo inesperto

    Cronaca Napoli2 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina LEGGI TUTTO

  • in

    Era scomparsa da un mese la donna ritrovata nel pozzo: Fermato il presunto assassino

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    1 ora fa
    in
    4 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    È di Luana Rainone, 31 anni, originaria di Sarno e residente a San Valentino Torio il corpo privo di vita ritrovato all’alba di oggi tra San Valentino Torio e Poggiomarino. In stato di fermo il presunto assassino.
    La donna era residente a San Valentino Torio ma originaria di Sarno, e di lei si erano perse le tracce dal 23 luglio scorso. A denunciare la scomparsa era stato il marito.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Donna accoltellata e gettata in un pozzo nell’Agro nocerino
    Sul posto sono intervenuti i carabinieri e gli uomini della sezione scientifica di Nocera Inferiore. Si tratterebbe di omicidio ed i carabinieri hanno già fermato un uomo che avrebbe avuto una relazione con la donna. Luana era scomparsa da un mese. Lo scorso 23 luglio alle ore 14 è uscita di casa da sola e si sono perse le sue tracce.

    Articolo Successivo
    Napoli, contrabbandiere di Torre Annunziata arrestato al Vomero con 500 chilogrammi di ‘bionde’

    Da non perdere
    Con OPENart e Campania by Night tutti gli appuntamenti della Scabec dal 5 all’8 settembre

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Caserta e Provincia

    Pubblicato
    1 ora fa
    in
    4 Settembre 2020

    Sequestrate piantagioni di marijuana alle spalle del carcere di Carinola. La polizia scopre 5 piantagioni in una zona di campagna.

    Cinque piantagioni di marijuana realizzate in una zona di campagna alle spalle del carcere di Carinola sono state scoperte e sequestrate dalla Polizia di Stato, che ha arrestato F.V. un 24enne di Mondragone e denunciato altre quattro persone. Circa 1200 le piante dell’altezza di due metri, e quasi in fiore, trovate nelle piantagioni; i poliziotti del Commissariato di Sessa Aurunca hanno poi sequestrato a casa del 24enne un chilo di marijuana suddivisa in confezioni pronte alla vendita.
    Le piantagioni sono state scoperte grazie ad un elicottero del Reparto Volo di Napoli, che ha localizzato l’area, nonostante la fitta vegetazione.Sulla scorta delle attività info-investigative svolte nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio e alla vendita al dettaglio di sostanza stupefacente, i poliziotti del Commissariato di Sessa Aurunca venivano a conoscenza che nelle campagne di Carinola, precisamente alle spalle della casa di reclusione “G. Novelli”, vi era una grande piantagione di marijuana, nascosta tra la fitta vegetazione. I poliziotti del Commissariato, con l’ausilio del personale del Reparto Volo di Napoli, a bordo di elicottero, riuscivano ad localizzare l’area, scoprendo l’esistenza di ben cinque distinte piantagioni, per un totale di circa 1100/1200 piante, altezza media 2 metri, in piena inflorescenza e non già un’unica piantagione come segnalato.
    Dopo aver individuato le piantagioni illegali gli investigatori della Polizia di Stato si appostavano nelle vicinanze, in attesa di avvistare gli autori di tale coltivazione illegale. Il servizio di osservazione si protraeva fino a quando, nella giornata di ieri 2 settembre, alle 17.45 circa, si notavano sopraggiungere due autovetture, entrambe con a bordo due persone. I conducenti delle autovetture, dopo aver effettuato vari giri di perlustrazione sui terreni circostanti, con fare sospetto e guardingo, si fermavano in prossimità delle piantagioni illegali. Quindi, gli occupanti scendevano dal veicolo e senza esitazione alcuna si introducevano all’interno del varco che consente l’accesso alle piantagioni, e dopo aver percorso alcuni metri della scarpata ivi presente, venivano prontamente bloccati dal personale del Commissariato e sottoposti a perquisizione. All’interno di una delle due autovetture venivano rinvenuti arnesi e strumenti utili all’attività di coltivazione.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Caserta e Provincia3 giorni fa
    Caserta, ragazza positiva al Covid-19 viola quarantena e va al ristorante: denunciata

    Coronavirus4 giorni fa
    Coronavirus, dipendente positivo: chiusa la sede Inps Napoli di via De Gasperi

    Angri6 giorni fa
    Drone colpisce sposa di Angri: ricoverata in ospedale, colpa di fotografo inesperto

    Cronaca Napoli2 giorni fa
    Napoli: tre uomini arrestati dai “Falchi” per droga e rapina LEGGI TUTTO