More stories

  • in

    Inchiesta sui covid center della Campania: gli indagati sono due

    Inchiesta sui covid center della Campania: gli indagati sono due.

    Turbativa della liberta’ degli incanti. Con questa ipotesi di reato la procura di Napoli ha aperto l’inchiesta sulla realizzazione dei tre ospedali in prefabbricati Covid in Campania. Sono due per ora gli iscritti nel registro degli indagati e per loro tra venerdi’ e ieri fino a tarda sera sono scattate perquisizioni.

    Si tratta di Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1, al quale hanno sequestrato il telefono cellulare, e Luca Cascone, consigliere regionale molto vicino al presidente della giunta campana, Vincenzo De Luca, dal quale hanno acquisito documenti. Nel mirino del pm Mariella Di Mauro e dell’aggiunto Giuseppe Lucantonio un maxi-appalto da 18 milioni di euro per la costruzione degli ospedali modulari e la forniture di dispositivi di sicurezza e macchinari sanitari.
    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:Covid center di Napoli, indagato il manager Verdoliva
    Due giorni fa i carabinieri dei Ros sono stati anche negli uffici della Soresa, la societa’ regionale impegnata per il settore della sanita’, dove hanno cercato documenti ed emali soprattutto per la gara di appalto per la costruzione dei moduli di Terapia Intensiva, quelli che poi in corso d’opera sarebbero stati convertiti, modificando i requisiti iniziali della gara d’appalto, in reparti di degenza.
    Pubblicità LEGGI TUTTO

  • in

    Castellammare, carabiniere interviene per sedare una rissa e viene pestato: è grave

    Castellammare. Carabiniere fuori servizio interviene per sedare una rissa e viene colpito con caschi e sedie: e’ grave.

    Un carabiniere fuori servizio interviene per sedare una lite e viene pestato selvaggiamente da un gruppo di persone. E’ accaduto intorno alla mezzanotte nel centro di Castellammare di Stabia (Napoli). Il militare e’ stato aggredito e picchiato usando caschi e sedie come armi. E’ stato colpito gravemente alla testa, ha perso conoscenza e le ferite hanno provocato una seria emorragia.

    E’ stato soccorso dai tanti testimoni presenti alla scena, mentre gli aggressori sono fuggiti. Trasportato d’urgenza all’ospedale San Leonardo, le sue condizioni sono gravi. Il traffico e’ rimasto paralizzato e ne sono conseguite difficolta’ anche per far arrivare l’ambulanza sul luogo dei soccorsi. Il 118 ha impiegato quasi mezz’ora. LEGGI TUTTO

  • in

    Uccise e fece sparire affiliato al suo stesso clan: arrestato uomo dei Pezzella

    Frattamaggiore: i Carabinieri arrestano un uomo dando esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio volontario in concorso, occultamento di cadavere, porto e detenzione illegale di arma da fuoco.

    I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, a Frattamaggiore, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di un 34enne contiguo al clan camorristico “Pezzella”, operante a Cardito e comuni limitrofi, ritenuto gravemente indiziato di omicidio volontario in concorso, occultamento di cadavere, porto e detenzione illegale di arma da fuoco, reati aggravati dalle modalità mafiose e finalizzato ad accrescere il prestigio del predetto sodalizio criminale.

    L’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea e condotta dal citato Nucleo Investigativo, è stata avviata il 14 febbraio scorso, quando la moglie di Pellino Vincenzo, 44enne, già affiliato al cennato clan, presso la Stazione carabinieri di Frattamaggiore denunciava la scomparsa di quest’ultimo. Le investigazioni, che hanno visto i militari impegnati in indagini tradizionali e di tipo tecnico, hanno consentito di documentare che:
    – l’omicidio di Vincenzo Pellino è stato eseguito con le modalità della codiddetta lupara bianca. Per tale grave fatto delittuoso risultano acquisiti gravissimi indizi a carico dell’odierno indagato che ha agito, unitamente ad altro soggetto allo stato non identificato, mediante l’esplosione di colpi d’arma da fuoco ed il successivo occultamento del cadavere (ad oggi non ancora rinvenuto). Nello specifico si è appurato che Pellino il 13 febbraio aveva incontrato l’indagato nei pressi di un esercizio commerciale di Frattamaggiore e i due si erano allontanati a bordo dell’auto dell’arrestato. Da quel momento nessuno ha più visto Vincenzo Pellino, salvo poi scoprire che è rimasto vittima di omicidio;– l’azione delittuosa è da ascrivere ad un’epurazione interna al clan in questione. LEGGI TUTTO

  • in

    Blitz anti droga tra Salerno, Avellino e Firenze: 26 arresti

    Blitz anti droga tra Salerno, Avellino e Firenze: 26 arresti. I carabinieri del comando provinciale di Salerno con il supporto del 7° nucleo elicotteri di Pontecagnano e del nucleo cinofili di Sarno, stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal gip, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 26 soggetti. Le accuse vanno dall’associazione […] LEGGI TUTTO

  • in

    Inchiesta ex Cirio: il Riesame annulla la richiesta di arresti domiciliari per Cesaro e Pentangelo

    Inchiesta ex Cirio: il Riesame annulla la richiesta di arresti domiciliari per Cesaro e Pentangelo La richiesta era sta avanzata dalla Procura di Torre Annunziata  per i parlamentari di Forza Italia Luigi Cesaro e Antonio Pentangelo nell’ambito dell’inchiesta sulla riqualificazione dell’area ex Cirio di Castellammare di Stabia. Sulla richiesta si sarebbero dovute esprimere le Camere […] LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, scacco alla banda dei finti finanzieri: 10 arresti. TUTTI I NOMI

    Napoli. Scacco alla banda dei finti finanzieri: 10 arresti.Nella mattinata del 16 giugno 2020, la Squadra Mobile di Napoli ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, richiesta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di POLITO Aldo[1], ROMANO Salvatore[2], NESCI Gaetano[3], MARZATICO Luigi[4], CAPUOZZO Roberto[5], ALIMANI Anesti[6], ZINNO Vincenzo[7], BALIDO […] LEGGI TUTTO

  • in

    Salerno, sequestrate tre tonnellate di hashish e un milione di pasticche di amfetamine

    Salerno. Sequestrate tre tonnellate di hashish e 190 chilogrammi di pasticche di amfetamine. Colpo da 40 milioni di euro ai narcos. Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, ha sequestrato all’interno di un container in sosta presso il porto di Salerno […] LEGGI TUTTO

  • in

    Acerra, accoltella e riduce in fin di vita ex amante della moglie: arrestato

    Acerra. Accoltella ex amante moglie: 46enne arrestato per tentato omicidio. I carabinieri della stazione di Acerra hanno arrestato per tentato omicidio Pasquale De Filippo, 46enne del posto già noto alle forze dell’ordine. I fatti sono avvenuti questa notte presso la clinica Villa dei Fiori di Acerra. L’arrestato, in compagnia del padre ha affrontato e poi […] LEGGI TUTTO

  • in

    Caivano, gestivano una piazza di spaccio con 80 clienti al giorno: arrestati in cinque

    Caivano. Gestivano una piazza di spaccio con 80 clienti al giorno in località Pascarola: arrestati in cinque. A conclusione di un’attività d’indagine in materia di repressione dello spaccio di stupefacenti, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli Nord, i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Casoria hanno dato esecuzione ad una […] LEGGI TUTTO

  • in

    Concorsi nelle forze dell’ordine truccati:8 misure cautelari

     Concorsi nelle forze dell’ordine truccati:8 misure cautelari. E’ il cuore dell’inchiesta della procura di Benevento che ha portato la Guardia di Finanza sannita alla notifica di otto misure cautelari personali, di cui tre di custodia cautelare in carcere, due con il beneficio dei domiciliari, due sospensioni da pubblici uffici o servizi e un obbligo di […] LEGGI TUTTO