in

Robbie Williams e Ayda Field, quarto figlio a sorpresa da madre surrogata: “Ora siamo al completo”

Robbie Williams e Ayda Field festeggiano l’arrivo del quarto figlio. Un annuncio a sorpresa per la coppia, che ha avuto il secondo figlio da madre surrogata. Con un post su Instagram annunciano di essere, adesso, assolutamente al completo: “Nel giorno di San Valentino abbiamo pensato di celebrare l’amore nel modo migliore possibile, con Beau Benedict Enthoven Williams”. Robbie Williams e Ayda Field hanno annunciato di aver avuto il quarto figlio dalla stessa madre surrogata che ha dato loro due anni fa la piccola Coco.

Il secondo figlio da madre surrogata

È il secondo figlio da madre surrogata, dopo Colette Josephine, detta Coco. Beau Benedict Enthoven Williams nasce dalla stessa madre surrogata:

Occhio alle differenze. In questo giorno di San Valentino abbiamo voluto celebrare l’amore nel modo più entusiasmante possibile: Beau Benedict Enthoven Williams. Come Coco, è biologicamente nostra, ma nata dalla stessa madre surrogata. Siamo così felici e lieti di aver tra le nostre braccia qualcosa di magico, ora la nostra famiglia è al completo.

I figli di Robbie Williams e Ayda Field

Robbie Williams e Ayda Field sono sposati dall’agosto 2010 ma stanno insieme dal 2006. Il 18 settembre 2012 è nata Theodora Rose Williams, la loro prima figlia. Charlton Valentin è il secondo figlio, nato il 27 ottobre 2014. La terza figlia, la prima da madre surrogata, nasce il 7 settembre 2018: Colette Josephine, detta Coco. Robbie Williams e Ayad Field non sono gli unici che hanno fatto la scelta della mamma surrogata. Da Kim Kardashian a Kanye West, da Nicole Kidman a Keith Urban e ancora Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick, Lucy Liu o Ellen Pompeo. Anche Elton John, Ricky Martin e Miguel Bosé hanno fatto ricorso alla maternità surrogata.


Fonte: https://www.fanpage.it/cronaca/violenza-italia/feed/


Tagcloud:

Photo by Robin Hammond @Hammond_Robin | This Valentine’s Day I’m thinking about Abdesattar (left) and his boyfriend, Walid (right), from Tunisia. Because of hostile attitudes toward same-sex relationships in the region and laws that make some consensual same-sex acts a crime, they had kept their relationship hidden. “We moved from place to place, lied to families and friends. We had to pretend, and to be someone else,” said Walid. “We love each other and we will never give up on each other, whatever happens.” As a symbol of their commitment, they tattooed each other’s names on their chests. In an act of defiance, they took off their tops to show their tattoos—they would not hide their love any longer. They chose to tell their story for my project that amplifies the voices of #LGBTQ people around the world. @WhereLoveIsIllegal #valentinesday

Arresto Zaky, la mamma di Giulio Regeni si scaglia contro Di Maio: “È vergognoso”