in

Coronavirus, squadra di basket ungherese non vuole giocare a Schio. Petrucci: “Non siamo appestati”

Scoppia il caso Sopron nel basket italiano. La squadra ungherese si è infatti rifiutata di scendere in campo contro Schio nel campionato di Eurolega femminile. Il motivo? La paura di un contagio del coronavirus. Una situazione che ha spinto il presidente della Federbasket Gianni Petrucci a prendere una posizione forte dichiarando: “Non possono trattarci come appestati

Coronavirus, squadra di basket ungherese non vuole giocare in Italia

Gianni Petrucci, presidente della Federazione italiana basket, ha denunciato in occasione del Consiglio nazionale del CONI, il caso del Sopron. La squadra di basket femminile ungherese si è rifiutata di organizzare la trasferta italiana, per la sfida di giovedì prossimo in casa della Famila Schio. In particolare i magiari, hanno ribadito di non voler scendere in campo sul parquet della città vicentina per la paura di un contagio del coronavirus. Una situazione che inevitabilmente ha indignato i vertici del movimento calcistico italiano.

Petrucci e la presa di posizione contro la decisione del Sopron

Una situazione che inevitabilmente ha spinto Petrucci ad una presa di posizione forte. Il noto dirigente sportivo italiano ha infatti dichiarato: “Non possono trattarci come degli appestati”. Nel corso del Consiglio Nazionale del Comitato Olimpico Nazionale (in cui il presidente Malagò ha tranquillizzato tutti sul regolare svolgimento delle prossime Olimpiadi), Petrucci informato il ministro delle Politiche Giovanili e dello Sport Vincenzo Spadafora del fatto che anche il ministero degli Affari Esteri ungherese sia intervenuto sulla Federbasket ungherese per impedire che la squadra di Sopron giocasse in Eurolega contro il Famila Schio. Il match è stato già spostato a Lubiana, il prossimo 26 febbraio.


Fonte: https://www.fanpage.it/cronaca/violenza-italia/feed/


Tagcloud:

Slitta la decisione del giudice sui 37 imputati in “Olimpia”

Photo by @carltonward | After three years of obsessively trying, I finally got my camera traps in the Fakahatchee Strand to capture the first photographs of ghost orchids being pollinated, helping solve one of the great mysteries in the Everglades. Because of its size, the giant sphinx moth was long thought to be the sole pollinator of the ghost orchid, but this photo shows a pawpaw sphinx moth likely pollinating a ghost orchid (notice the yellow pollen cluster on its head). This is just one of six species my cameras captured as they probed and potentially pollinated ghost orchids. Fellow @insidenatgeo explorers Mac Stone and Peter Houlihan got similar results with a camera trap pointed at a ghost orchid 50 feet (15 meters) up in a cypress tree, and they developed a new hypothesis that the giant sphinx moth might be the original orchid thief—and not a ghost orchid pollinator after all. Check out Nat Geo’s Instagram story today with links to an article and the film “Chasing Ghosts” about our team’s quest and discoveries. Please follow @carltonward @macstonephoto and @peter_houlihan for more. #Florida #everglades #ChasingGhosts #orchid #pollination