in

Giugliano, imprenditore suicida per debiti: arrestati i due usurai

Pubblicità

La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli Nord, nei confronti di due persone, di 57 e 60 anni, rispettivamente residenti a Giugliano e Villaricca in provincia di Napoli, per usura ed estorsione aggravata nei confronti di tre diverse vittime.

Le indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord sono iniziate a seguito del suicidio di un imprenditore di Giugliano, avvenuto nel luglio 2018, piegato da debiti usurari e sottoposto a pressanti minacce. Dalle indagini è emerso come i due indagati, in concorso tra loro, avessero costretto due imprenditori di Villaricca e un altro cittadino, tutti in evidenti difficoltà patrimoniali e che per questa ragione si erano rivolti a loro, ad accettare gravosissime condizioni economiche pur di ricevere in prestito delle somme di denaro.

Pubblicità

Nel corso di circa 5 anni, a fronte delle somme di denaro prestate, erano state restituite somme gravate da altissimi tassi usurari. Non riuscendo più a fronteggiare le richieste usurarie degli indagati, le vittime venivano costantemente e pesantemente minacciate e, in un caso, una di esse veniva anche picchiata con una mazza da baseball.


Fonte: https://www.cronachedellacampania.it/cronaca/cronaca-nera/feed/

Territorio. Mastacchi (lista Borgonzoni): legge urbanistica inadeguata

Giulio Berruti rivela il trauma adolescenziale: 'Buttato in un cassonetto col motorino’