in

Animali d’affezione. Gibertoni (Misto): assistenza veterinaria di base gratuita per fasce più deboli

Giulia Gibertoni (Misto)

“Assistenza veterinaria di base gratuita per la cura degli animali d’affezione, i cui proprietari rientrino in una fascia di svantaggio economico”. A chiederlo, con due atti (una risoluzione e un’interrogazione) rivolti al governo regionale, è Giulia Gibertoni (Misto).

Le cure per cani e gatti così come per gli altri animali da compagnia, spiega la consigliera, “nella nostra regione sono totalmente a carico del proprietario, indipendentemente dalla sua situazione reddituale e patrimoniale”. Però, prosegue, “non tutti i possessori di animali sono in grado di sostenere queste spese”. L’assistenza veterinaria gratuita, rimarca quindi la capogruppo, “potrebbe favorire l’adozione di animali d’affezione, anche da parte delle famiglie in una situazione economica fragile, e contribuire alla riduzione del randagismo, oltre a evitare ritardi nelle cure degli animali, dovuti alla condizione economica del possessore”.

Giulia Gibertoni chiede poi di “favorire con agevolazioni e incentivi chi decide di adottare un animale dai canili o dai gattili del territorio regionale”.

In Umbria, conclude la consigliera, “è già stata approvata una legge regionale, nel gennaio dello scorso anno, che consente a chi adotta un cane o un gatto di ottenere il rimborso delle spese medico veterinarie, in particolare per chi è una situazione di svantaggio economico e per chi impiega gli animali in interventi di pet therapy”. Anche la Lombardia, conclude, “sempre lo scorso anno (a fine maggio), ha previsto, con l’approvazione del nuovo piano della sanità pubblica veterinaria, l’istituzione di un’assistenza veterinaria di base gratuita per la cura degli animali d’affezione, i cui proprietari rientrino in una fascia socioeconomica debole”.

(Cristian Casali)

Sanità e welfare

22 maggio 2020



Fonte: https://cronacabianca.eu/feed/

Coronavirus. Tagliaferri (Fdi): investire sulla sanità territoriale

Coronavirus. Montalti (Pd): fare ripartire anche i luoghi della cultura